Pasolini: “Consumismo genocidio delle culture” [sub. english]

 

www.youtube.com

P.P. Pasolini: “Il genocidio degli italiani”: tratto da: Il Sabato, 24.04.1993, n. 17, pag. 3.: “[—] Dirò subito, e l’avrete già intuito, che la mia tesi è…

Forze dell’ordine, ma l’ordine democratico è un’altra cosa (#no tav)

mariobadino
Forze dell’ordine, ma l’ordine democratico è un’altra cosa
Mon, 27 Feb 2012 23:36:04 +0000
25 febbraio 2012, Torino Porta Nuova. Un utente di Trenitalia (non si tratta di un manifestante) racconta il pestaggio subito, senza motivo, da due poliziotti. Come senza motivo partono le cariche contro i manifestanti di ritorno a Milano. Lo Stato, … Continue reading

Gli abitanti di via Padova sognano (in tante lingue)

La città nuova
“Vorrei…” piscina, feste, sicurezza, meno droga. Gli abitanti di via Padova sognano (in tante lingue)
Wed, 29 Feb 2012 06:30:18 +0000
A Milano qualcosa capita sempre. Ieri, passeggiando per via Padova, ho trovato dei cartelli e delle strisce di carta appesi ai muri e ai muretti dei giardinetti di via Mosso e dintorni. Non si sa ancora da chi nasce l’iniziativa, ma si parla di ricerca sociologica, di laboratori di alcune associazioni culturali del territorio, insomma, […]

Amnesty International – Italia – Send a Message

Amnesty sostiene la campagna “Send a message” promossa dalla Good Films, la società di distribuzione del film “The Lady” dedicato al premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi. Registrate anche voi un messaggio di solidarietà per la leader birmana. “Use your freedom to promote ours!”

Questa è la pagina ufficiale di Amnesty International – Italia. Amnesty International è un’Organizzazione non governativa indipendente, una comunità globale di difensori dei diritti umani che si riconosce nei principi della solidarietà internazionale. L’associazione è stata fondata nel 1961 dall’avvocato inglese Peter Benenson, che lanciò una campagna per l’amnistia dei prigionieri di coscienza. Conta attualmente due milioni e duecentomila soci, sostenitori e donatori in più di 150 paesi. La Sezione Italiana di Amnesty conta oltre 80.000 soci.

Pagina: Piace a 74.288 persone

AMNESTY: IN IRAN AUMENTO DELLA REPRESSIONE CONTRO IL DISSENSO


COMUNICATO STAMPA                                                                                                         
CS27-2012 

NUOVO RAPPORTO DI AMNESTY INTERNATIONAL SULL’IRAN DENUNCIA AUMENTO DELLA REPRESSIONE CONTRO IL DISSENSO 

La repressione del governo iraniano nei confronti della liberta’ d’espressione e’ fortemente aumentata con l’approssimarsi della scadenza elettorale di questa settimana. 

Lo denuncia Amnesty International in un rapporto di 71 pagine intitolato ‘Abbiamo l’ordine di distruggervi’, reso pubblico oggi, nel quale l’organizzazione per i diritti umani descrive come, a partire dalle proteste convocate nel febbraio 2011 dai due leader dell’opposizione, Mir Hossein Mousavi e Mehdi Karroubi, le autorita’ iraniane abbiano inasprito la repressione contro il dissenso, fino ad arrivare all’ondata di arresti degli ultimi mesi. 

Il tutto, sottolinea Amnesty International, mentre il governo iraniano continuava a sostenere a parole le proteste in Medio Oriente e Africa del Nord. 

‘Nell’Iran di oggi, chiunque e’ a rischio se fa qualsiasi cosa che possa situarsi al di fuori dei ristretti confini di cio’’ che le autorita’ considerano accettabile dal punto di vista sociale o politico’ – ha dichiarato Ann Harrison, direttrice ad interim del programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International. ‘Formare un gruppo sui social media, costituire un’organizzazione non governativa o aderirvi, esprimere opposizione rispetto allo status quo puo’’ portare in prigione’. 

Secondo il rapporto di Amnesty International, negli ultimi mesi un’ondata di arresti ha colpito avvocati, studenti, giornalisti, attivisti politici e i loro parenti, esponenti di minoranze etniche e religiose, autori cinematografici e persone che hanno contatti all’esterno del paese, specialmente con la stampa estera. 

I leader dell’opposizione Mousavi e Karroubi, sconfitti alle elezioni presidenziali del 2009, sono di fatto agli arresti domiciliari dal febbraio 2011. La moglie di Karroubi e’ stata rilasciata nel luglio scorso mentre Zahra Rahnavard, moglie di Mousavi, si trova agli arresti domiciliari insieme al marito. 

Alla vigilia delle elezioni parlamentari del 2 marzo, la situazione e’ peggiorata. 

Il giro di vite ha colpito i media elettronici che le autorita’ considerano una grande minaccia.  A gennaio, un alto funzionario di polizia ha dichiarato che Google non era un motore di ricerca bensi’ ‘uno strumento per lo spionaggio’. Nel corso dello stesso mese, la Ciberpolizia (una squadra di recente istituzione) ha ordinato a tutti i proprietari di internet cafe’ di installare telecamere a circuito chiuso e di registrare l’identita’ di tutti gli utenti prima di farli accedere a una postazione. 

Questo mese, il blogger Mehdi Khazali, arrestato a gennaio, e’ stato condannato a quattro anni e mezzo di carcere, seguiti da 10 anni di ‘esilio interno’, nonche’ a una multa per una serie di accuse che dovrebbero comprendere la ‘diffusione propaganda contro il sistema’, la ‘riunione e collusione contro la sicurezza nazionale’ e gli ‘insulti a pubblici ufficiali’. Non e’ chiaro se dovra’ scontare in carcere il periodo di ‘esilio interno’. 

Khazali era stato gia’ arrestato e incriminato nel 2011 e poi rilasciato su cauzione. Si trova nella prigione di Evin, a Teheran, dove ha intrapreso da 40 giorni uno sciopero della fame per protestare contro la sua detenzione. Amnesty International teme per la sua salute. 

Amnesty International ha registrato un aumento delle intimidazioni, degli arresti e delle condanne anche nei confronti dei difensori dei diritti umani, tra cui le attiviste per i diritti delle donne. Diverse sedi di organizzazioni non governative sono state chiuse. 

Abdolfattah Soltani, fondatore del Centro per i difensori dei diritti umani, e’ stato arrestato nel settembre 2011. E’ detenuto nel carcere di Evin, in attesa del processo per vari capi d’accusa, tra cui aver accettato un premio internazionale sui diritti umani. Rischia una condanna a 20 anni di carcere. 

La pressione sulle voci  indipendenti si e’ estesa anche a coloro che vivono fuori dall’Iran. 

Nel corso del mese di febbraio, la Bbc ha denunciato che familiari dei giornalisti del servizio in lingua persiana sono stati sottoposti a intimidazioni: uno di loro e’ stato arrestato e tenuto in confino solitario, ad altri e’ stato sequestrato il passaporto. 

Secondo Amnesty International, l’attacco contro il dissenso si colloca nel contesto del peggioramento complessivo della situazione dei diritti umani in Iran. 

Nel 2011 e’ aumentato di quattro volte, rispetto all’anno precedente, il numero delle esecuzioni pubbliche, una pratica usata dalle autorita’ per instillare paura nella societa’. L’anno scorso sono state eseguite centinaia di condanne a morte, la maggior parte delle quali per reati di droga. L’Iran continua a mettere a morte minorenni al momento del reato, prassi rigorosamente vietata dal diritto internazionale. 

Amnesty International ha chiesto alla comunita’ internazionale di non fare in modo che le tensioni sul programma nucleare iraniano o gli avvenimenti che hanno luogo nella regione mediorientale allentino la pressione sull’Iran affinche’ rispetti i suoi impegni internazionali in materia di diritti umani. 

In particolare, l’organizzazione ha sollecitato il Consiglio Onu dei diritti umani a rinnovare il mandato del Relatore speciale sull’Iran, in scadenza a marzo. 

‘Per le iraniane e gli iraniani che affrontano questo livello di repressione, puo’’ essere sconfortante vedere che la discussione sul loro paese nei circoli diplomatici si concentra principalmente sul programma nucleare a scapito dei diritti umani. I paesi che hanno rapporti con governo iraniano non possono venir meno alle loro responsabilita’ nei confronti del coraggio dei difensori dei diritti umani, dei sindacalisti, delle minoranze e dei giornalisti’ – ha concluso Harrison. 

FINE DEL COMUNICATO                                                                         
Roma, 28 febbraio 2012 

Il rapporto ‘Abbiamo l’ordine di distruggervi’ e’ disponibile in lingua inglese all’indirizzo: 
http://www.amnesty.it/iran-aumenta-la-repressione-contro-il-dissenso 
e presso l’Ufficio stampa di Amnesty International Italia. 

Per approfondimenti e interviste: 
Amnesty International Italia – Ufficio stampa 
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it 

Leggi tutti gli altri comunicati stampa all’indirizzo: 
http://www.amnesty.it/archivio-tutte-news-comunicati.html 

festival del fundraising


Iscriviti entro domani : puoi risparmiare fino a 180€
 e se sei socio dell’Ass. Italiana Fundraiser risparmi 35€ in più


Scopri subito il ricco programma del Festival e tutte le sessioni:
 

•    abbiamo selezionato i migliori relatori italiani e stranieri: il Festival ti fa incontrare il meglio del mondo nonprofit!

•    metodi, linee guida e suggerimenti pratici grazie all’analisi di casi reali: il Festival ti offre un’occasione unica di formazione
•    tanti momenti informali di incontro per ampliare o creare una rete di contatti professionali: il Festival è il più grande evento di fundraising in Italia ed è riconosciuto come una ricca esperienza di networking nel campo

Ma il Festival è anche RELAX: cucina raffinata, percorsi termali gratuiti e aperti fino alle 24 e l’invitante cornice del parco del Grand Hotel Terme di Castrocaro per un momento di relax ed evasione dalla quotidianità.

Cosa aspetti?
Iscriviti e risparmia entro il 29 febbraio! 

Associazione Festival del Fundraising
 


Associazione Festival del Fundraising

via Lombardini 5 – 47121 Forlì FC – tel. 0543 374151 – fax 0543 199 05 15