Arrestati estremisti di destra che progettavano incendi e stupri “etnici”

Succede in Italia, succede davvero…

Tra i progetti di alcuni esponenti della destra estrema indagati nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla Procura di Napoli per degli scontri in piazza , c’era anche quello di dar fuoco ad un negozio di oreficeria di un cittadino ebreo e anche quello di usare violenza sessuale nei confronti di una studentessa sempre ebrea.

È quanto emerso da alcune intercettazioni di conversazioni nelle quali si pianificavano episodi di violenza nei confronti di chi venisse considerato come ‘diversò. Le indagini condotte dai carabinieri del Ros sia in Campania che nel Lazio, che hanno portato a dieci provvedimenti cautelari, hanno evidenziato come nelle intenzioni degli indagati ci fosse non solo l’incendio dell’oreficeria ma anche l’ipotesi di molestare una studentessa chiedendosi come fosse «possibile che potesse frequentare l’università e come questa potesse avere rapporti ‘normalì con gli altri».

 
 
Arrestati estremisti di destra che progettavano incendi e stupri “etnici”ultima modifica: 2013-01-24T18:58:47+01:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento