L’ARTE DELLE FONDAZIONI A PORTATA DI UN CLICK

L’ARTE DELLE FONDAZIONI A PORTATA DI UN CLICK
On line r’accolte, il catalogo multimediale delle collezioni delle fondazioni

Sul sito 
http://raccolte.acri.it  il catalogo multimediale delle collezioni d’arte delle Fondazioni di origine bancaria: oltre 9.000 pezzi appartenenti a 59 collezioni. Tra le opere anche quelle di Fondazione Cariplo.

 
 

7/6 BIBLIOTECA DI BOLLATE: MOSTRA DI ANGELO FEDELI, 88 ANNI, PARTIGIANO

 

INAUGURAZIONE MOSTRA “FILI D’ARTE, TRAME DI VITA” PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE DI BOLLATE – MARTEDI’ 7/6 ORE 11. NON MANCATE!

 

LA MOSTRA POI RESTERA’ APERTA DAL 7 AL 18/6 NEGLI ORARI DELLA BIBLIOTECA.

 

clicca su _ LOCANDINA angelo.doc

info:  http://www.insiemegroane.it/root/eventi/SchedaEvento.asp?idEvento=10453&categoria=&appuntamenti&idcomune=2&pagina=

tel. 02.35005501

ED ECCO UNA DELLE OPERE DI ANGELO: BELLA VERO?! 

la stanza rossa.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

CHI SONO:

 

Mi chiamo Angelo Fedeli, sono nato a Milano il 13 aprile del 1923. Ho dunque 88 anni. Ho sempre abitato a Bollate. Ho frequentato le elementari e poi sono andato a lavorare come meccanico di precisione alla ditta Leon Behans di Bollate. Purtroppo scoppia la seconda guerra mondiale. Parto per la Jugoslavia nell’aprile del 44. Lascio a casa la mia cara mamma e la mia fidanzata Rina. Sono tornato a casa solo all’armistizio. Che bello rivedere la mia Rina! Ma purtroppo questo idillio è stato di breve durata perché  sono dovuto scappare dai fascisti. Mi sono  rifugiato in montagna e ho fatto parte come partigiano della Brigata Moscatelli. Mi ricordo l’entrata a Milano il 25 aprile del 45! Che emozione! Tornato finalmente a casa nel 1946 mi sposo con la mia Rina, moglie dolce e premurosa. Abbiamo due figli: Ornella, che nasce nel 49 e Felice Alessandro, nato nel 61. Io continuo a lavorare come meccanico sul tornio e intanto coltivo i miei hobby. A casa ho tanti uccellini, una passione trasmessami dal papà che costruiva le gabbie degli uccellini con il legno. Vado al bar dell’oratorio con i miei amici a bere un bicchiere di spuma o di vino bianco. Amo la pesca e con la società “La famèta” vado spesso al laghetto di Garbagnate.

Con il capo della ditta in cui lavoro, il signor Lasagni, e altri amici andiamo spesso in montagna a camminare e alla domenica durante la bella stagione vado in bicicletta col “Gruppo 10” che è la società sportiva bollatese.

La famiglia poi si allarga. Si sposano i figli e io e la Rina ci ritroviamo nonni di tre nipoti. Purtroppo nel 2003 mia moglie muore e tutta la famiglia si ritrova con un grande vuoto nel cuore. Cerco di reagire, accudisco la casa, faccio la spesa, mi metto persino a stirare, vado al cimitero tutti i giorni ma quel vuoto non diminuisce. Ma dopo tre anni comincio ad avere problemi di salute e dopo un ricovero all’ospedale mi mandano in una casa di riposo vicino a Erba per un mese. Nel frattempo mia figlia che abita ancora a Bollate raggiunge la figlia a Domodossola per aiutarla ad accudire il nipotino. Sono diventato bisnonno! Visto che a casa solo non riesco più a stare, mio figlio riesce ad avvicinarmi a casa sua, Monza, trovando un posto nella Residenza Bellani dove sono ospite tuttora.

Qui devo ricominciare a vivere con altre persone e la cosa è molto faticosa ad una certa età. Ma all’improvviso scopro di saper fare dai quadri in un modo “strano”. Mi serve tutta la mia precisione che mettevo nel  lavoro e riaffiora in me la voglia di leggere i libri d’arte, passione che avevo già da giovane.

Con l’animatrice scegliamo il pittore, poi il quadro, lo riportiamo tale e quale su una stoffa, scegliamo le stoffe del colore giusto, le ritaglio a quadretti e poi con il pennello e la colla eseguo il collage. Questa attività riempie le mie giornate dandomi delle grandi soddisfazioni. Mi ritrovo a leggere la vita di Van Gogh, la storia dei mosaici di Ravenna ecc. La mia prima mostra esterna alla Residenza Bellani (dove ogni anno metto in mostra i quadri realizzati in quel periodo) è stata fatta a Monza, alla Circoscrizione di San Rocco ed è stata un successo. Dimenticavo di dire che da qualche anno curo anche degli uccellini nel reparto e una coppia ha fatto più di 10 piccoli!! Per loro semino l’insalata e sull’”ortomobile” la faccio crescere spostando il carrellino sul balcone in cerca di sole. Quando mi hanno detto della possibilità di esporre i miei quadri al mio paese mi sono molto emozionato. Spero tanto di ritrovare persone che conosco e anche qualche mio amico di gioventù! Vi aspetto!

Mostra Fotografica “RIMINI RIMINI” di Stefano Merlini

Mostra Fotografica “RIMINI RIMINI” di Stefano Merlini

Inizio:
martedì 27 ottobre 2009 alle ore 21.00
Fine:
sabato 5 dicembre 2009 alle ore 21.00
Luogo:
Le Trottoir – P.zza XXIV Maggio, 1 – Milano

Descrizione

27 ottobre – 5 dicembre 2009. Una proiezione selezionata delle fotografie di Stefano Merlini, un reportage dedicato a Rimini, alle sue spiagge, ai bagni, alle insegne dei mitici anni ’60, nel tentativo di far riemergere un’epoca, uno stile di vita e di pensiero.

Link

Visualizzato 1 link

21 E 28/11 A CASATENOVO “SOLIDARTE 2009”

SOLIDARTE 2009

ARTE E NON SOLO

Tipo:
Rete:
Globale
Inizio:
sabato 21 novembre 2009 alle ore 16.30
Fine:
sabato 28 novembre 2009 alle ore 23.30
Luogo:
Villa Mariani
Indirizzo:
Via Buttafava, 54
Città/Paese:
Casatenovo, Italy

Descrizione

SABATO 21: ore 16.30 INAUGURAZIONE MOSTRA con buffet
DOMENICA 22: ore 16.00 DOLCI E Tè DAL MAROCCO a seguito approfondimento con l’intervento di CHIARA LAINATI, antropologa, docente del Master in Formazione interculturale dell’Università Cattolica di Milano

MARTEDì 24: ore 21.00 “LE SECONDE GENERAZIONI TRA SPERANZE E OSTACOLI” Un viaggio nel mondo dei figli dei migranti, tra desiderio di appartenenza e difficoltà. Intervento della ricercatrice HIELEN TEKESTE BERHE.
GIOVEDì 26: ore 21.00 SPETTACOLO DI DANZA E TEATRO: “In viaggio con Iside”
 
VENERDì 27: ore 21.00 SPETTACOLO TEATRALE “Duty Free della sopravvivenza” creato in occasione della prima Marcia Mondiale per la pace e la non violenza.
Durante la serata “WALK THE FUTURE” immagini suoni e colori per scoprire e ripercorrere la marcia mondiale per la pace e la non violenza.

Link