Tibet in mostra a Monza

 

“Credo che per affrontare la sfida del ventunesimo secolo, gli esseri umani dovranno sviluppare un maggiore senso di responsabilità universale. Ciascuno di noi deve imparare a lavorare non solo per sé, per la sua famiglia o la sua nazione, ma a favore di tutta l’umanità”. Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama


“Cultura e diritti umani: il respiro del Tibet”, questo il titolo della mostra fotografica collettiva presso lo Spazio Espositivo dell’Urban Center – Binario 7 – in via Turati 6 a Monza, con inaugurazione mercoledì 20 febbraio ore 18.00, alla presenza degli autori e di un gruppo di monaci buddisti provenienti dal Monastero Loseling Manjusri Temple in India, che realizzeranno sul posto un Mandala e saranno a disposizione, insieme ai fotografi, per rispondere alle domande del pubblico.
 
Organizzata dalla UPF/Universal Peace Federation insieme al Centro Progetto Mandala e in collaborazione con il Comune di Monza, la mostra è strutturata in 2 parti: una riguardante i diritti umani, con foto dedicate all’impegno e alla lotta del popolo tibetano, mentre l’altra parte della mostra ha lo scopo di presentare alcuni aspetti della vita in Tibet, con l’intento di offrire spunti di riflessione che possano dare l’idea della Cultura di Pace che contraddistingue questo popolo da secoli. Senza la pretesa di fare una mostra esaustiva, si vuole quindi richiamare l’attenzione sulla questione dei diritti umani e nello stesso tempo offrire immagini significative, per dare modo allo spettatore di cogliere alcuni aspetti peculiari legati alle diversità della popolazione e del paesaggio, cercando di far “respirare” l’aria dei luoghi del Tibet storico che va dai 3.500 metri in su e della specificità della sua cultura. 

La mostra sarà aperta, con entrata libera, fino a mercoledì 27 febbraio, la locandina si può visionare e scaricare dalla home page del sito www.trofeodellapace.org
Per info: monza@italia.upf.org – tel. 393.0077700 – www.italia.upf.org

Un caro saluto a tutti. 
Carlo Chierico
per UPF Universal Peace Federation e Centro Progetto Mandala.

GANDHI – La Grande Anima

 Mahatma

 

New Delhi. 30 Gennaio 1948. Ore 17.00. Nathuram Godse, un indù radicale, è di fronte a Gandhi. Lo saluta con reverenza e poi, con tre colpi di pistola, lo uccide.

Atene. 399 a.C. “Uccidendo un uomo, non si uccide, insieme a lui, l’idea che ha creato e che ha portato in atto” : è una delle ultime frasi pronunciate da Socrate, qualche ora prima di ingurgitare la cicuta. Due personalità così distanti nel tempo e nello spazio, l’ateniese e l’indiano, ma così vicini nel destino e, per certi aspetti, anche nel pensiero.

Leggi online.

2/2/2012 convegno Caritas sulla Cina

La lanterna e il dragone

Caritas Ambrosiana, insieme a Centro Documentazione Mondialità, Ufficio Diocesano Pastorale Migranti, Ufficio Diocesano Pastorale Missionaria e
in collaborazione con la rivista «Popoli», propongono per sabato 2 febbraio 2013 il convegno 

LEGGI TUTTO QUI: http://www.caritasambrosiana.it/eventi/convegni/la-lanterna-e-il-dragone-volti-del-mutamento-cinese

 

 

 

 

………….

Inside Beijing

  • 22 dicembre 2012
  • 15.20

Inside Beijing | 融入北京, Trailer

Inside Beijing, di Gabriele Battaglia e Claudia Pozzoli

Il progetto di Gabriele Battaglia, giornalista milanese esperto di oriente, e della videomaker Claudia Pozzoli nasce come una collaborazione tra il sito PeaceReporter e il mensile E di Emergency, ma ha rischiato di arenarsi qualche mese fa in seguito alla chiusura di entrambe le testate.

I due autori hanno puntato allora sul crowdfunding per portare avanti questo lavoro multimediale sulla capitale cinese. Oltre a un reportage, contiene un documentario, una video-installazione e un documentario solo per il web, in progress (come Pechino, del resto). I video già disponibili evidenziano i temi centrali della loro ricerca: lo sviluppo urbano della metropoli e la cultura cinese contemporanea.

Internazionale, numero 980, 21 dicembre 2012

Tiananmen, 23 anni dopo: non dimentichiamo!

In occasione del 23° anniversario della violenta repressione delle manifestazioni pacifiche di piazza Tiananmen, Amnesty International ha sollecitato ancora una volta le autorit…

Cina, condanna inaccettabile per Ni Yulan

Ni Yulan, avvocata e attivista per il diritto all’alloggio, condannata oggi a due anni e otto mesi di carcere per “frode” e per “aver disturbato la quiete pubblica e provocato d…

Video: infanticidi femminili e aborti selettivi in India e Cina

In India e Cina risultano “scomparse” circa 200 milioni di ragazze a causa dell’aborto selettivo nei confronti delle donne, o dell’omicidio…