CHE SIGNIFICA BIMBO AUTISTICO? E CHE SIGNIFICA AVERE UN FIGLIO COSI’ IN UNA SCUOLA ITALIANA?


Prima del Ventesimo secolo non esisteva il concetto clinico di autismo. Nell’antichità e nel folklore europeo si attribuiva l’autismo e altri disturbi alle fate, che si credeva sostituissero di nascosto i propri neonati…L’autismo, chiamato originariamente Sindrome di Kanner, è considerato dalla comunità scientifica internazionale un disturbo che interessa la funzione cerebrale; la persona affetta da tale patologia mostra una marcata diminuzione dell’integrazione sociale e della comunicazione. Attualmente risultano ancora sconosciute le cause di tale manifestazione…
Numerosi genitori degli alunni di una scuola elementare di Mugnano (Napoli) hanno trasferito i loro figli in altri istituti per la presenza di un bimbo autistico in classe. La dirigente dell’istituto ‘Gennaro Sequino’ si era opposta alla richiesta di trasferimento in altre sezioni e i genitori hanno reagito portando via i figli. Della vicenda riferisce Il Mattino.Al momento sono sei gli alunni, su un totale di 20, che hanno lasciato la scuola per non avere come compagno di banco il ragazzo autistico. Alcuni degli alunni trasferiti lo avevano avuto già in classe alla materna.”La scuola è integrazione, è vivere tutti insieme e bene ha fatto la dirigente scolastica a non acconsentire al trasferimento in altre sezioni degli alunni” dice il dirigente scolastico regionale della Campania, Diego Bouchè.”Ho già parlato con la dirigente scolastica – spiega Bouchè – che mi ha inviato una relazione sulla vicenda. Le ho già detto che sono disponibile ad autorizzare altri docenti di sostegno se me ne verrà documentata la necessità nell’ottica di venir incontro all’esigenza delle scuole”.ANSA
APPROFONDIMENTI http://it.wikipedia.org/wiki/Autismo

LA PRIMA SCUOLA – finanziare progetti artistici e pedagogici nelle scuole elementari di periferia


ENGLISH VERSION BELOW

Carissimi Amici,
A fronte dei devastanti tagli operati negli ultimi dieci anni all’istruzione pubblica, ZaLab lancia un progetto inedito e per certi versi ambizioso: LA PRIMA SCUOLA. 

La scuola elementare ha subito un forte ridimensionamento di risorse, sia in termini materiali che didattici. Molte famiglie stanno già contribuendo enormemente per sopperire ai deficit materiali, come la mancanza della carta igienica o la riduzione del servizio di mensa. È necessario però porre l’attenzione anche sulle opportunità formative e sugli stimoli che i nostri figli stanno perdendo. Dobbiamo continuare a immaginare un’istruzione migliore, dobbiamo contribuire a renderla possibile.

Il progetto LA PRIMA SCUOLA vuole intervenire proprio su questo versante. L’obiettivo principale è il finanziamento di progetti artistici e pedagogici nelle scuole elementari di periferia attraverso una raccolta fondi dedicata che necessita il sostegno di più persone possibili. Sostenere il progetto LA PRIMA SCUOLA è un modo per agire e non restare fermi a guardare il delinearsi di un futuro ancora più precario per i nostri figli.

Allo stesso tempo per noi è importante dare un contributo al dibattito sullo stato di crisi del sistema d’istruzione pubblica e porre l’attenzione alle potenzialità del contesto multiculturale della scuola attuale. Il blog www.laprimascuola.wordpress.com nasce proprio per stimolare e ospitare un confronto pubblico su questi temi.

Per selezionare i progetti e assegnare i finanziamenti, LA PRIMA SCUOLA si avvale di una commissione composta da persone di grande esperienza professionale nei settori della didattica, dell’arte e dell’integrazione: Goffredo Fofi, Marco Paolini, Sara Honegger, Vinicio Ongini, Franco Lorenzoni e Peppe Carini.

LA PRIMA SCUOLA nasce da un’idea di Andrea Segre durante il making of del suo ultimo film La Prima Neve, che verrà presentato al Festival di Venezia il 6 settembre e uscirà nelle sale nel mese di ottobre. LA PRIMA SCUOLA è sostenuto da Jolefilm e Parthénos.
È possibile trovare tutte le informazioni del progetto sulla pagina LA PRIMA SCUOLA .
Per qualsiasi informazione scrivi a laprimascuola@zalab.org .

——
ENGLISH VERSION

LA PRIMA SCUOLA (THE FIRST SCHOOL)
An Idea in Support of Art Projects in Schools. 

Dearest Friends, 
by consequence of the devastating cuts to public education in the last ten years, ZaLab is launching a new and somehow ambitious project: LA PRIMA SCUOLA .

Primary schools have suffered from a considerable decrease of both material and educational resources. Many families are already widely contributing to cover material deficits such as the lack of toilet paper or the shortening of canteen services. However, it is also necessary to equally stress the attention on the educational opportunities and stimuli that many children are missing.
 
The project LA PRIMA SCUOLA would like to give a contribution precisely to the educational offer. Its main aim is, therefore, the financing of artistic and pedagogical projects in suburban primary schoolsthrough a dedicated fund raising. It is also important to us to simultaneously contribute to the debate on the critical state of affairs of the public educational system, drawing attention in particular to the currently rich potential of multicultural contexts in schools. The blog www.laprimascuola.wordpress.com has been created in order to encourage and host public exchanges on such topics. 

In order to select the best projects to be funded, LA PRIMA SCUOLA has appointed a committee of people with great professional experience in the domains of didactics, art and integration: Goffredo Fofi, Marco Paolini, Sara Honegger, Vinicio Ongini, Franco Lorenzoni and Peppe Carini.

LA PRIMA SCUOLA is an idea of Andrea Segre, coming from the making of his last film La Prima Neve (The First Snow), that will be presented during the Festival in Venice, on September 6th and in cinemas in October. LA PRIMA SCUOLA is supported by Jolefilm and Parthénos.

More infos on the project are available on the web page LA PRIMA SCUOLA .
For any further enquiry please write to laprimascuola@zalab.org .

Scuola. Boom di studenti stranieri e di 2g

Crescono i nati in Italia: nelle scuole dell’infanzia sono 8 su 10. Nell’anno scolastico 2011/2012, gli alunni stranieri nati in Italia sono 334.284 e rappresentano il 44,2% sul totale degli alunni…
 
 
 
 
 
 
……..

Ddl Stabilità, ok emendamento del Governo alle 18 ore settimanali ai prof

Reintrodotte le 18 ore settimanali per gli insegnanti. La Commissione Bilancio della Camera ha approvato l’emendamento del governo alla legge di Stabilità che, con tagli mirati compensativi, è rius…
 
 
 
 
 
…….

SOFTWARE DIDATTICI PER LA SCUOLA PRIMARIA

http://www.nativelab.it/software/software.htm

 

– Software per la scuola primaria –  
Mateland v 4.0 freeware

 La costruzione della visione spaziale con BlockCAD

 Risorse per la didattica

 

storie di didattica

Il progetto “Storie di  Didattica” è promosso dal network di insegnanti e formatori “La scuola che funziona” . Viene gestito, su base volontaria, da un gruppo di membri del network (*) con il coordinamento di Gianni Marconato e la supervisione metodologica di Giuseppe Tacconi del CRED (Centro di Ricerca Educativa e Didattica) della Facoltà di Scienze della Formazione, dell’Università di Verona. 

clicca qui: http://www.storiedididattica.it/

 

 

grazie

Nuovo strumento compensativo per i Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA): IperMAPPE

Nuovo strumento compensativo per i DSA: IperMAPPE

 
 
 

Comunicato Stampa

IperMAPPE è il nuovo software compensativo per i Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) realizzato dalle Edizioni Erickson.

Con l’entrata in vigore della Legge 170/2010, i DSA (dislessia, discalculia, disgrafia, disortografia) sono stati riconosciuti ufficialmente nell’ambito scolastico, così come l’utilizzo degli strumenti compensativi per sostituire o facilitare le abilità deficitarie. In quest’ambito si colloca IperMAPPE.

Il nuovo software non è rivolto solo agli studenti con DSA: IperMAPPE è un nuovo sistema di rappresentazione grafica e visualizzazione digitale della conoscenza pensato per sostenere lo studio e l’apprendimento sia come strumento compensativo, per un efficace e autonomo metodo di studio (mappe costruite dallo studente), che come strategia di facilitazione nello studio assistito (mappe costruite per lo studente, da insegnanti e genitori).

Con IperMAPPE si passa da una logica di prodotto (la mappa come oggetto finito e completo, da stampare e consegnare a scuola) ad una di processo (la mappa viene sviluppata “mentre” si comprende l’argomento).

I nodi della mappa potranno contenere dati di diverso tipo: testo linguistico scritto, immagini, animazioni, filmati, suoni, registrazioni audio di spiegazioni e commenti, link a risorse esterne, trasformando la mappa in una vera e propria risorsa multimediale.

L’autore, studente o insegnante, potrà quindi costruire mappe per lo studio individuale, schemi per fissare i concetti fondamentali di un testo, tabelle di semplificazione e adattamento dei contenuti didattici.

IperMAPPE è progettato da Erickson con supervisione, materiali e testi di Flavio Fogarolo e Carlo Scataglini.

Edizioni Centro Studi Erickson

convegni@erickson.it

Edizioni Centro Studi Erickson
Via del Pioppeto, 24
38121 Gardolo (TN)
Tel. 0461 950690 
Fax 0461 950698

Facebook
https://www.facebook.com/EdizioniErickson
Google+
https://plus.google.com/u/0/117238518970732655051/posts