Cogito, ergo sum – idee e riflessioni contemporanee – n° 162

 

Eugenio Scalfari: Soffia il vento del popolo sovrano

I referendum del 12 e 13 giugno possono infliggere un secondo colpo ancor più micidiale al centrodestra provocandone la definitiva implosione.

Stefano Rodotà: Il diritto restituito

Il 12 e il 13 giugno si voterà il referendum sul nucleare

Chiara Saraceno: La vita supera la tv

Il voto e i media

Bill Emmott: Il mondo globale

Usa-Cina, la fatica del potere

Nadia Urbinati: La TV del potere sconfitta dal voto

Tra i tanti significati che queste elezioni amministrative dall´esito felice suggeriscono a lettori attenti è la sconfitta del centralismo monopolistico del sistema di informazione e propaganda.

Barbara Spinelli: L’ottimismo dell’intelligenza

Ma il vento più impetuoso viene da altrove, viene da dentro gli animi, è una forza che ha travolto tutti i copioni consueti.

Giuseppe Travaglini: Un’altra energia è possibile

L’Italia voterà sul nucleare. Per prepararci, andiamo a lezione in Germania. Il piano enegetico nazionale tedesco farà una scelta chiara: abbandonare l’atomo a favore delle rinnovabili

Susan George: Socializzare le banche

Costruire alleanze globali per riportare la finanza alla sua funzione originaria, ossia strumento dell’economia

Antonio Gnoli: Zizek: da Lacan al cinema riscopriamo il sogno

Il sistema capitalista globale, tra crisi ecologiche, squilibri interni e aumento di divisioni ed esclusioni, è al suo punto zero: eppure non ha senso parlare di “decadenza”

Mario Lettieri, Paolo Raimondi: La bomba dei derivati può ancora esplodere

Le grandi lobby bancarie internazionali sono tornate alla carica per far sbloccare i derivati finanziari degli enti locali.

Michela Marzano: Il valore della laicità

Il vero compito di uno Stato laico è quello di organizzare la coesistenza delle diverse libertà

Emanuele Severino: Nella casa di Brescia, cercando la natura

In primavera, le farfalle e le api a danzare sui fiori bianchi della siepe

Massimo L. Salvadori: Quel che resta del progresso

Dal terremoto di Lisbona a Fukushima, le difficoltà di un´idea

Giorgio Bagnobianchi: Del volersi bene

Significato di un verbo molto usato

Ignazio Licata: La Gerusalemme Digitale Politica, Economia e Desideri di un Essere Collettivo

Accade così che una risorsa potenziale ( appunto “virtuale”) come la rete si rivela troppo spesso un nuovo mondo già ampiamente colonizzato da vecchi schemi mentali.

Giorgio Ragazzi: La follia del fotovoltaico

Con gli incentivi al fotovoltaico si è caricato sulle spalle degli italiani un debito di quasi 90 miliardi, il 5 per cento di tutto il debito pubblico

Claudio Magris: Contro la sofferenza

L’utilità sociale della felicità

Eugenio Scalfari: La storia di un viaggiatore nella caverna di psiche

Il lascito della modernità è rimasto incompiuto perché ha aperto una strada che porta a una terra incognita

Pier Giorgio Montarolo: Una super-colla per i ricordi

Dalle emozioni fino ai movimenti, ecco come si modifica il cervello

Massimo Recalcati: Come insegnare ai ragazzi il desiderio di nuovi mondi

Lo psicoanalista riflette sulla crisi del discorso educativo e sulla ridefinizione del docente: una figura che deve animare la curiosità

Tito Boeri: Cari prof, studenti, genitori essere valutati non è “umiliazione”

L’economista Tito Boeri ha scritto una analisi dei test Invalsi su Repubblica. E ha ricevuto molte reazioni, spesso dure, dal mondo della scuola.

Paolo Cacciari: Beni comuni, una definizione [quasi] impossibile

La riscoperta dei commons come base di ogni ricchezza sociale, da curare e condividere solidalmente, sono una rivoluzione culturale opposta a quella neoliberista e conservatrice che ha egemonizzato la società negli ultimi trent’anni.

Barbara Spinelli: Perché non si può restare prigionieri della memoria

Il testamento non è un trasmettere “cose” ma un´alleanza con chi se ne va, firmatario di un patto tutto da provare

Umberto Galimberti: Il conformismo, oggi, non è una scelta. è una ineluttabile necessità

Scrive Nietzsche: “Tutti vogliono le stesse cose, tutti sono uguali: chi sente diversamente va da sé al manicomio”

Vandana Shiva: Agricoltura industriale e crisi idrica

L’agricoltura industriale ha spinto la produzione alimentare a usare metodi che hanno determinato una riduzione della ritenzione idrica del suolo e un aumento della domanda d’acqua.

Elena Dusi: La pennichella dei neuroni che ci fa dormire a occhi aperti

Le pause sono di 50-100 millisecondi. Il test dimostra che i due stati non sono impermeabili

 

grazie

Cogito, ergo sum – idee e riflessioni contemporanee – n° 162ultima modifica: 2011-06-06T09:14:54+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento