Droghe: legalizzarle o no? Dibattito sempre piu’ vivo

  da aduc salute

Articolo di red 10 agosto 2010 10:30   

Il dibattito sulla legalizzazione del consumo di stupefacenti si sta ampliando In Messico. Il presidente Felipe Calderon ha riaperto la discussione su una proposta del suo predecessore Vicente Fox sulla legalizzazione delle droghe.
Calderon teme che una scelta del genere potrebbe incrementare il consumo tra i giovani. “Io non sono d’accordo con la legalizzazione perche’, se uno fa un’analisi, deve porre sulla bilancia vantaggi e svantaggi di una scelta come questa”, ha detto Calderon in un’intervista alla emittente colombiana Caracol Radio. La legalizzazione del commercio contribuira’ a far diminuire la violenza nel Paese, ma nel contempo potrebbe far crescere il consumo tra i giovani, passando da un problema di sicurezza ad uno di salute pubblica.
Se si legalizza, il prezzo cosi’ alto che le droghe hanno oggi nel mercato nero crollera’ e sara’ meno attraente dal punto di vista finanziario per i criminali, questo e’ certo, pero’ liberalizzera’ totalmente il mercato delle droghe inclusa la riduzione del prezzo, due fattori che stimoleranno molti giovani al consumo“.
Il piano di Fox
Le dichiarazioni di Calderon sono una risposta al progetto di legalizzazione delle droghe presentato dal suo predecessore. Vicente Fox.
Fox ha proposto sul suo blog un progetto di legalizzazione di produzione, vendita e distribuzione delle droghe come metodo per bloccare il narcotraffico.
Fox nel suo progetto propone che i militari si rivolgano ai cartelli -a differenza dell’attuale strategia di Calderon, impostata sull’appoggio e financo la sostituzione della Polizia da parte delle Forze Arrmate- unificando i tanti corpi di polizia che esistono nel Paese in una sola Polizia, i cui capi siano eletti in seguito ad una pubblica votazione da parte dei cittadini, cosi’ come fa sapere il quotidiano El Universal.
Un dibattito sempre piu’ vivo
Il progetto di Fox e’ stato lanciato nel momento in cui in Messico esiste una crescente controversia sul fatto che la legalizzazione delle droghe sia l’unico metodo per frenare la criminalita’. In realta’ il dibattito non e’ altro che una serie di dichiarazioni di politici, legislatori, giornalisti e Ong. E’ cominciato lo scorso 3 agosto quando il presidente Calderon in un dibattito sulla sicurezza ha detto di essere contrario alla legalizzazione delle droghe ma non al dibattito in merito. Senza mezzi termini Calderon ha messo in dubbio che la via per combattere il narcotraffico sia solo quella poliziesca, visto che da quando lui’ e’ la potere (2006) ci sono stati 28.000 morti. Per questo ha evidenziato la caduta di efficacia della struttura di sicurezza del Paese come una delle variabili che piu’ influenzano l’ascesa del crimine organizzato. “Il sistema federale messicano e’ tanto federale che se c’e’ una polizia che fiancheggia i criminali e non ci sono prove per denunciarla, semplicemente non puo’ essere rimossa”.
Di conseguenza Calderon ha auspicato una riforma della polizia per la creazione di un corpo intermedio tra agenti statali e federali, si’ da coordinare le loro azioni e creare una coesione nella strategia per la sicurezza nazionale. Su questo i media locali hanno pubblicato diverse opinioni di personaggi della vita pubblica.
Per esempio, le associazioni civili “Consejo Ciudadano para la Seguridad Publica y la Justicia Penal” e il “Movimiento Blanco”, in un comunicato congiunto hanno fatto sapere che la legalizzazione delle droghe e’ una “cortina di fumo“, “fraintesa perche’ si basa su una profonda incomprensione del problema che vive il Messico nell’eludere la sua causa principale, che non e’ altro che la perdita del monopolio della forza da parte dello Stato“.

Droghe: legalizzarle o no? Dibattito sempre piu’ vivoultima modifica: 2010-08-13T19:53:02+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento