Gino Bartali, campione di umanità. Yad Vashem l’ha nominato Giusto fra le Nazioni.

 
 ginobartali.jpg



Gino Bartali, giusto ed eroe

di Roberto Malini

Gerusalemme, 24 settembre 2013. Gino Bartali, il fuoriclasse del ciclismo, vincitore negli anni 1930 e 1940 di tre Giri d’Italia e due Tour de France, ha vinto il titolo più importante alla memoria, che affida ora il suo nome alle pagine più alte e nobili della Storia. Il campione toscano, scomparso nel 2000, è stato infatti dichiarato Giusto tra le nazioni dallo Yad Vashem, il memoriale delle vittime dell’olocausto che ha sede a Gerusalemme. Con incredibile coraggio, Bartali salvò, negli anni delle leggi razziali, numerose famiglie ebree dalla deportazione nei campi di morte. Nella motivazione, il campione toscano è definito “un cattolico devoto, che durante l’occupazione tedesca in Italia fece parte di una rete di salvataggio i cui leader erano il rabbino di Firenze Nathan Cassuto e l’arcivescovo Elia Angelo Dalla Costa. Tale rete ebraico-crisiana,” prosegue il testo, “costruita dopo l’occupazione nazista, salvò le vite di centinaia di ebrei locali ed ebrei rifugiati dai territori prima sotto controllo italiano, principalmente in Francia e Yugoslavia. Bartalì agì come corriere della rete, nascondendo falsi documenti e carte nella sua bicicletta e trasportandoli attraverso le città, con il pretesto che si stava allenando. Consapevole dei rischi che correva per aiutare gli ebrei, Bartali consegnò i documenti contraffatti ai contatti della rete di salvataggio, fra cui il rabbino Cassuto”.

Gino Bartali, campione di umanità. Yad Vashem l’ha nominato Giusto fra le Nazioni.ultima modifica: 2013-09-24T01:11:02+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento