GIUNTA DI M…ONZA! GIU’ LE MANI DALLA VILLA REALE!

care amiche e cari amici,
scusate se vi giro questa mail che non riguarda appelli o azioni di amnesty, ma una decisione , a mio parere, folle riguardante Monza e tutti, monzesi e non che, come me,  amano il parco e la villa reale: la “svendita” della Villa Reale a privati che per solo 5 milioni di euro possono comprarsi la parte antistante per farne quello che vogliono (aprire negozi!!!,un  ristorante, ecc) togliendo ai cittadini  la possibilità di godere del verde pubblico gratuitamente. A me sembra una bestialità!
in allegato qualche documento.
chi la pensa come me e vuole manifestare la sua contrarietà a questo progetto (che è già avanti) può firmare on line un appello alla Regione e al Comune sul sito : www.parcomonza.org  (richiede di inserire una password, da inventarsi, per registrarsi)
DOMENICA il comitato parco raccoglierà  firme su cartaceo all’ingresso del parco (viale Cavriga) per tutto il giorno e nel mese di luglio il sabato e il giovedì in centro monza.
 
fate girare!! mi raccomando
ciao, eliana
 
 
 
—– Original Message —–
Sent: Tuesday, July 06, 2010 10:39 PM
Subject: Opponiamoci alla svendita della Villa Reale di Monza


Newsletter di ParcoMonza.org

Comitato per il Parco di Monza   Antonio Cederna

Rischiamo di perdere l’uso pubblico della parte centrale della Villa Reale e di un’area del Parco che sta rinascendo grazie a un paziente lavoro di recupero.
Ci dicono che bisogna far fruttare questo bene e che il privato riuscirà là dove il pubblico ha fallito.
Ma la Villa e il Parco di Monza sono un bene pubblico la cui funzione precipua è il godimento spirituale e fisico che ne traggono i frequentatori che non può essere svenduto a chicchessia e per nessuna ragione.
Per questo noi tutti dobbiamo difendere il nostro bene dall’incapacità degli amministratori e dalle mire degli speculatori per tramandarlo integro a chi verrà dopo di noi.

GIUNTA DI M…ONZA! GIU’ LE MANI DALLA VILLA REALE!ultima modifica: 2010-07-09T22:05:00+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento