Migrazione in Italia, prima e dopo: voci, lingua e letteratura

 

Igiaba Scego Qui trovate gli interventi di Tahar Lamri, Mihai Butcovan, Gabriella Ghermandi e della vostra Igi. (ho parafrasato e citato il bel romanzo di Cristina Ali Farah per spiegare il rapporto con le lingue madri)

www.treccani.it

 

 

http://www.treccani.it/Portale/sito/lingua_italiana/speciali/migrazione/mainSpeciale.html

I mondi, le culture, le lingue e le parole di scrittrici e scrittori migrati in Italia negli ultimi trent’anni o che in Italia sono nati da uno o entrambi i genitori stranieri. In forma di ricostruzione storica o di testimonianza personale, ecco cinque espressioni della narrativa e della poesia di un’Italia(no) che cambia.

 
Centocinquant’anni dopo, un’Italia a più voci
di Nora Moll
 
«Io, l’Osservatore Romeno senza dizionario bilingue»
di Mihai Mircea Butcovan
  
 
«Il mio italiano di spezie e sicomori contro l’intrusione dell’inglese»
di Gabriella Ghermandi
  
 
«Libero dalla prigione della lingua»
di Tahar Lamri
    
 
«Le piccole madri che parlano in me»
di Igiaba Scego

 

grazie

Migrazione in Italia, prima e dopo: voci, lingua e letteraturaultima modifica: 2010-12-12T11:40:00+01:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento