nuove recensioni da el ghibli

Ai membri di EL GHIBLI
Sabatino Annecchiarico 23 giugno alle ore 19.39 Rispondi
23 giugno 2010.- Carissima lettrice, carissimo lettore:
Vi annunciamo che è uscito il nuovo numero di el-ghibli arricchito da quattro nuove recensioni.

————————-
L’ultima carovana della Patagonia
Raùl Argemì – Traduttore Raul Schenardi

paola zoppi
La Nuova Frontiera – 2010
pp. 288, 17 €

È un’Argentina sopraffatta dalla crisi economica lo scenario in cui si districa la storia dell’ultima carovana della Patagonia, dove la Giostra, ideata dal governo per tentare di arginarla, sposta continuamente gli impiegati statali nei vari angoli del paese.
Roque Pérez, un uomo alto con una chioma di capelli brizzolati, quasi bianchi. E gli occhi grigi socchiusi, con un costante luccichio di diffidenza. L’aria sospettosa, la distanza che teneva per non scoprirsi, per non lasciar trasparire quella strana tenerezza che nascondeva come se se ne vergognasse (p. 160161); a sedici anni da ciò che accadde, incontra Laura, una donna alla ricerca di un padre. È convinta che suo padre, Anselmo, abbia cambiato nome e sia il Roque di oggi, in ogni caso è certa che egli sappia chi possa esserlo, Sinceramente non so se lei è mio padre. Questa è la verità. Ma se non è mio padre, lo ha conosciuto e sa che fine ha fatto (p. 30), perchè Laura sa che suo padre era coinvolto nell’affare del Polo Somuncurà, a Fiske Menuco. In un gelido inverno, con la neve che imbianca le strade, le domande di Laura sciolgono i nodi di un passato, non poi così distante. Il loro legame è custodito in una lettera spiegazzata, carica di nostalgia. [segue]

Per leggere l’articolo completo
http://www.el-ghibli.provincia.bologna.it/index.php?id=6&sezione=4&idrecensioni=123

——————-
vedere ogni notte le stelle
erminia dell’oro

raffaele taddeo
manni – 2010
pp. 86, 12 €

Questo romanzo di Erminia dell’Oro è qualcosa di insolito rispetto alla sua consolidata produzione che è stata caratterizzata da romanzi con strutture narrative intense e articolate da una parte, dall’altra da una ricchissima produzione per l’infanzia. Da segnalare fra l’altro il testo per ragazzi “Dall’altra parte del mare” pluripremiato e con alti riconoscimenti.
Vedere ogni notte le stelle presenta una struttura narrativa più attenuata, più diluita perché è incentrata sui sentimenti, rappresenta una riflessione, un bilancio del rapporto ch’è c’è stato fra la protagonista, Milena, e la madre, ormai sola perché la relazione con il marito era entrata in crisi forse a causa della morte prematura di un’altra figlia, di cui conserva ancora tenero ricordo e legame con oggetti che le appartenevano. [segue]

Per leggere l’articolo completo
http://www.el-ghibli.provincia.bologna.it/index.php?id=6&sezione=4&idrecensioni=124

—————-
nuvole sull’equatore
shirin ramzanali fazel
raffaele taddeo

Nuvole sull’equatore – Shirin Ramzanali Fazel
le golette – 2010
pp. 208, 12 €

Il secondo romanzo di Shirin Fazel Ramzanali è stato finalmente pubblicato dopo anni di giacenza nei cassetti della scrivania o forse per meglio dire nelle cartelle di qualche hard disk.
Si iscrive in quel genere di romanzi postcoloniali che affrontano problemi legati alla presenza in Somalia e nel corno d’Africa di italiani e del loro comportamento nei confronti delle autoctone. In particolare il problema di figli e figlie di italiani e madri somale, in genere abbandonati poi dai padri anche perché era impossibile legalizzarli a causa dei retaggi razzistici che vigevano nella consuetudine anche dopo la seconda guerra mondiale e che mal consideravano i rapporti con somale e i figli nati da queste relazioni.
E’ il frutto di politiche culturali di razzismo di cui l’Italia e gli italiani non hanno mai fatto i debiti conti. [segue]

Per leggere l’articolo completo
http://www.el-ghibli.provincia.bologna.it/index.php?id=6&sezione=4&idrecensioni=125

————
poesia dell’esilio
saggi su gëzim hajdari – andrea gazzoni a cura

raffaele taddeo

Poesia dell’esilio – Saggi su Gëzim Hajdari – Andrea Gazzoni a cura
Cosmo Iannone – 2010
pp. 326, 16 €
L’attenzione al poeta Gëzim Hajdari da parte degli studiosi si fa sempre più frequente ed ampia. Gli elementi che la determinano derivano da più fattori, intanto la qualità della sua poesia sempre più riconosciuta in Italia e all’estero. Non è un caso che incominciano a fiorire le traduzioni, non ultima quella della antologia delle sue opere in poesia uscita prima in tedesco e poi in italiano. Ma la stessa varietà di modi poetici e di temi che il poeta di origine albanese continua a sperimentare, così che accanto alle sillogi, abbiamo anche reportage di viaggi, brevi poemetti, il pamphlet poetico Poema dell’esilio, traduzioni e da ultimo anche se ancora inedito Epicedio albanese una sorta di nenia funebre, come Gëzim stesso lo definisce, sull’annientamento dei poeti albanesi durante il regime comunista.
Che gli studiosi continuano a guardare a questo poeta come qualcosa di grande è manifestato da questa raccolta di saggi su di lui che Cosmo editore pubblica, curata da Andrea Gazzoni, E’ qualcosa che “ha i tratti dell’eccezione, offrendo il primo volume critico dedicato in Italia a uno scrittore migrante”, scrive Fulvio Pezzarossa nella prefazione e forse avrebbe voluto dire “eccezionale”. [segue]

Per leggere l’articolo completo
http://www.el-ghibli.provincia.bologna.it/index.php?id=6&sezione=4&idrecensioni=126.

————————————-

La redazione di El Ghibli vi augura buona lettura

nuove recensioni da el ghibliultima modifica: 2010-06-26T22:44:08+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento