Osservatorio di Pavia (sulla comunicazione via media, tv, web ecc.)

Osservatorio di Pavia – Profilo

 
 
 

L’Osservatorio di Pavia è un istituto di ricerca e di analisi della comunicazione, fondato nel 1994 dalla C.A.R.E.S., Cooperativa di analisi e rilevazione economiche e sociali. L’attività delL’Osservatorio di Pavia è lo studio della comunicazione veicolata sia dai mezzi tradizionali (stampa, radio e televisione), sia da quelli legati alla sviluppo delle nuove tecnologie (internet).

Sin dalle origini, l’Osservatorio di Pavia lavora in stretta collaborazione con l’Università degli Studi di Pavia, grazie al cui apporto scientifico ha messo a punto varie metodologie di rilevazione e analisi. Frutto di questo sforzo metodologico è il lungo rapporto di collaborazione con la RAI, per la quale l’Osservatorio di Pavia svolge continuativamente sin dal 1994 l’aattività di monitoraggio del pluralismo politico, i cui risultati vengono utilizzati dalla Commissione Parlamentare di Vigilanza RAI.

Tra le ricerche svolte abitualmente dall’Osservatorio di Pavia per committenti sia pubblici che privati sono da segnalare i profili di immagine di istituzioni, personaggi, brand e la rappresentazione di temi, eventi, situazioni di crisi, ecc.

Grazie all’esperienza maturata in ambito nazionale, l”Osservatorio di Pavia si è accreditato come centro di primo piano in tema di libertà di espressione, mass media e democrazia a livello internazionale, in particolare attraverso la collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri, l’ OSCE/ODIHR, l’Unione Europea, il Council of Europe (COE), l’Onu e con organizzazioni non governative italiane e straniere per cui ha svolto numerose attività di monitoraggio in paesi esteri.

da Osservatorio di Pavia – Profilo.

 

Filed under: RadioRICERCHE SOCIALITelevisione        

 
 
Aggiungi a SpecialiCondividiCondividi con notaMantieni come da leggereInvia a

Osservatorio di Pavia (sulla comunicazione via media, tv, web ecc.)ultima modifica: 2011-10-17T09:52:29+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento