SCUOLA DI FORMAZIONE POLITICA DANILO DOLCI 2009 – 2010

Sereno Dolci 02 maggio alle ore 14.27 Rispondi
Il primo anno abbiamo sostenuto, nella presentazione della scuola, che “alla politica manca il passo lungo; nel corso degli anni la tattica di brevissimo periodo e le alleanze elettorali hanno focalizzato qualsiasi ragionamento e proposta (….) la “politica”, inoltre, sempre meno si assegna un ruolo di trasformazione del reale: al contrario vi si adegua e, tutt’al più, elabora soluzioni che permettano di competere nel mercato del voto.”

Per darci le loro risposte sono venuti a parlare Don Ciotti, Ugo Biggeri di Banca Etica, Luigino Bruni della Bicocca, Giuseppe Prestipino, Francesco Piva dell’Università di Tor Vergata, Francesco Musco e Laura Fregolent dello IUAV, Piero Bevilacqua de La Sapienza, Tommaso Dell’Era dell’Università della Tuscia, Mattia Stella, Luigi Ferrajoli dell’Università Roma Tre ed infine Francesco Indovina.

Ci sembra che il lavoro di riflessione e di elaborazione collettiva svolto abbia permesso di costruire un primo ed abbozzato dizionario. Ma quest’anno abbiamo deciso di spingerci oltre.

Nel 2009 – 2010 la Scuola di formazione politica Danilo Dolci vuole essere ancora più diretta ed efficace, affrontando a viso aperto i nodi che la sinistra, nel corso degli ultimi decenni, ha cercato di eludere – magari lanciando nuove parole d’ordine e spostando in avanti le questioni irrisolte – senza però essere riuscita a giungere a delle sintesi condivise.

Il costo dell’intero corso, necessario a pagare i costi vivi dell’iniziativa, è di 30 euro. La sede della Scuola di Formazione Politica Danilo Dolci é la stessa dell’anno passato, ovvero: Le Storie – Libreria Bistrot – Via Giulio Rocco 37/39, 00154 Roma – Tel. 06/64420211

Giovedì 13 maggio 2010 dalle 18 alle 20. Che cos è la politica. Michele Nardelli

http://www.youtube.com/watch?v=_Bj3I10iSP0&feature=related

ciao

SCUOLA DI FORMAZIONE POLITICA DANILO DOLCI 2009 – 2010ultima modifica: 2010-05-02T19:05:41+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento