SEMINARIO SU LINEA VERDE DROGA

20/6/2007

E’ solo un brogliaccio disordinato coi miei appunti (comprensivo di errori). Credo sia ugualmente utile.  Paolo

I documenti e i dati ufficiali su LVD sono richiedibili a Ce.A.S. 

www.ceasmarotta.it

Seminario Ce.A.S. su linea verde droga dell’8/6/2007

 

 

1997-2006 dieci anni di attività di Linea Verde Droga

 

 

Introduzione di Maria  Grazia Guida

 

Il seminario parte dal desiderio di incontrare interlocutori nella città.

Il Ceas da 20 anni si interroga sulle tematiche del disagio ed in particolare sul malessere adolescenziale. Oggi poi fronteggia un continuo aumento della sofferenza urbana.

 

Ce.A.S. opera  secondo una divisione operativa in tre aree:

Area dipendenze

Area Salute mentale

Area giovani  e prevenzione

 

Ce.A.S. presenta i dati di 10 anni di lavoro

Invita a ragionarvi perché vi sono stati cambiamenti  continui.

Primariamente  si rivolgono al servizio famiglie e genitori

Subito ci si deve porre una domanda: la famiglia è sola?

Spesso i servizi faticano ad accogliere  il suo disagio, occupandosi direttamente solo del membro della famiglia che abusa di sostanze.

Molti allora si rivolgono alla LVD (forse anche per il suo carattere di anonimato).

Nei 10 anni scorsi la famiglia è molto cambiata. Oggi si da il fenomeno dell’adolescenza prolungata. L’adolescenza ora va spesso dagli 11 ai 35 anni (per le questioni sociologiche che conosciamo)!

Tutti oggi dicono di voler promuovere politiche per i giovani ma la realtà è che ci si occupa molto dell’infanzia (nonostante netto calo delle nascite) e sempre meno dell’adolescenza.  Ai giovani, in compenso si passano modelli di vita fondati sull’individualismo, la ricerca del successo, l’importanza dell’avere e dell’apparire (a dispetto dell’essere) e del tutto subito.

Poi ci si occupa di loro solo quando si manifestano emergenze (reali o gonfiate dalla politica).

Emblematico, ad esempio il caso dei drug test in distribuzione a Milano. Sull’inserto salute di Repubblica compaiono oggi 6 pagine dedicate al drug test. E’ un modo di affrontare le questioni che risulta inevitabilmente superficiale. Il tema del dialogo genitori/figli diventa sempre meno una questione pedagogica e relazionale e sempre più più una questione di controllo e di stigma.

Disquisendo tecnicamente di sostanze e dei loro effetti paradossalmente si favorisce il mercato e poco ci si occupa invece del malessere dei giovani, della loro fatica di crescere, specie in quartieri deboli e con problematiche di disagio economico, di immigrazione e di degrado sociale.

 

L’universo giovani invece ci interroga. Non vi sono solo espressioni patologiche di malessere. Vi sono anche giovani impegnati nel volontariato. Anche i giovani no global oggi esprimono una risposta al disagio ma poco ci si cura di loro. Secondo Michel Maffesoli il mondo giovanile cerca delle alternative e la protesta no global è espressione di tali valori: difesa dell’ambiente, solidarietà, attenzione all’essere e al dare e non all’avere, alla dimensione qualitativa della vita anziché, come avviene invece nel mondo adulto, alla dimensione quantitativa del racimolare beni e del consumo.

 

Operatore di LVD

(rinvio alla documentazione più dettagliata reperibile presso Ce.A.S. e presto anche sul nostro sito).

L’operatore osserva che i dati sono interessanti ma che occorre tener presente che provengono da un osservatorio particolare (LVD).

Tipologia di persone che chiamano:

– soprattutto gente non in contatto coi servizi (60% circa. Il 50% circa non ha mai avuto contatti coi servizi). Per cui è gente che pone domande che sfuggono di solito ai servizi.

 

tot 33.350 telefonate (dal 2000 ampliamento orario)

 

Solo 5% dei genitori chiede a LVD consigli su uso di test di controllo.

 

Età prevalente 30/40 anni

Sopra i 40 x lo più familiari

Fascia giovanile circa 27%

 

La fascia 30/40 è ora in forte espansione (prima erano soprattutto oltre i 40 anni). Nel 2006 sono ormai il  60%!

 

Sesso: dato + costante. Chiamano soprattutto femmine (specie tra i familiari). Sono il 60%. Negli ultimi anni anche molte donne consumatrici.

 

Nei 10 anni aumento significativo soprattutto delle chiamate dei diretti interessati (variazione importante). Nei primi anni la td era subito intercettata ed erano soprattutto i familiari a chiamare.

Ora invece i bisogni sono + complessi. Non sempre oggi la td. è così ben individuata. Chi chiama consuma ma spesso nelle telefonate emergono disagi assai più complessi e i chiamanti chiedono una presa in carico + lunga. Esprimono un disagio psicologico poco diagnositicabile e poco indirizzabile a Sert o Cps ma che chiede presa in carico assai diversa. Richiesta di percorsi di ascolto più prolungati (anche di anni). 

 

Andamento sostanze

1997: uso soprattutto di eroina

poi la cocaina quintuplica e la eroina diminuisce

2001: le due sostanze più o meno coincidono

da 2002 ripresa anche eroina ad andamento quasi parallelo (a volte anche con concomitanza di consumo)

 

cannabis altalenante ma senza troppe variazioni (salvo negli ultimi anni in cui cede anche per l’aumento di ero e coca). L’alcool ha andamento analogo.

 

Indicazioni fornite

All’inizio soprattutto consulenze spot.

30% x informazioni sui servizi (indirizzi ecc.).

Negli anni però aumenta sempre più una consulenza vera e propria (con richiesta di aiuto a rielaborare la propria situazione).

Anche i consumatori manifestano sempre più il bisogno di un sostegno continuativo (non ci si limita solo a richiedere informazioni).

 

Parallelamente a tale richiesta anche gli operatori di LVD si sono sempre più orientati negli anni verso un servizio più complesso e ampio che non è mero dar informazioni ma che cerca di offrire piuttosto una consulenza “globale”.

Ad es. anche parecchie telefonate x il kit antidroga sembravano avere inizialmente solo un carattere informativo ma poi gli operatori di LVD hanno cercato di trattare in modo + complesso la questione (specie coi familiari che avevano già usato il kit e scoperto la positività del ragazzo).

Si cerca di offrire anche una presa in carico delle rappresentazioni, ad esempio della propria dipendenza ma anche di come ci si rappresenta il servizio. Ad es. il timore di essere stigmatizzati come tossicodipendenti. Spesso questa rappresentazione è un ostacolo ad accedere ai servizi; questo vale soprattutto per i consumatori di cocaina e loro familiari. Molti di costoro continuano a chiamare piuttosto che accedere ai servizi. Anche i familiari che non osano rivelare ai figli di avere scoperto la loro tossicodipendenza chiamano qui. Vanno aiutati a capire cosa i servizi possono fare e togliere di mezzo cattive rappresentazioni.

 

Altro operatore LVD

 

Al’inizio abbiamo raccolto soprattutto elementi x condurre ai servizi giusti.

Negli anni sono emersi problemi e compiti  + complessi.

Spesso oggi chi chiama rifiuta il servizio e preferisce un ascolto telefonico  come più rassicurante. C’è gente che chiama anche x + di un anno, perfino quotidianamente.

 

Famiglie: sono utilizzatori primari. Circa un terzo hanno avuto un colloquio con noi. Esprimono urgenza e ansia x un intervento tempestivo. LVD cerca di contenere l’ansia. Il cambiamento, si spiega loro, è lento, complesso e non sempre lineare.

A volte chiamano genitori di adolescenti x uso cannabis.

Le telefonate sono quasi sempre legate a momenti di crisi. Il chiamante apre la telefonata chiedendo informazioni ma gli operatori cercano poi di raccogliere elementi di storia.

I familiari spesso hanno scoperto da poco l’uso di sostanze da parte del familiare e provano impotenza, rabbia, vergogna, senso di colpa ecc.. Tutte emozioni che vanno elaborate.

In generale i familiari chiamano una o due volte.

Spesso sono impauriti e chiedono se non si può chiudere il familiare in comunità o ottenerne un ricovero coatto. Occorre aiutarli a capire che prima occorre lavorare su di sé x poi avere contatti con il familiare che fa uso di sostanze.

 

Adolescenti: spesso chiamano genitori senza rapporti coi servizi (x lo + madri – spesso il padre è ai margini o x lavoro o x separazione x cui capita sovente che ignora perfino la tossicodipendenza del figlio e la madre evita di coinvolgerlo.).

Magari chiamano semplicemente sulla base di sospetti, scritti, tracce trovate frugando nelle tasche del figlio ecc. In generale di solito vogliono consigli su come procedere a controllo (esame del capello, urine; pensando sempre di poterlo fare in qualche modo di nascosto).

Spesso il dialogo familiare appare carente ed è difficile capire se vi sono elementi di vera tossicodipendenza o v’è semplice disagio adolescenziale.

Per fortuna spesso sembra che i figli non nascondano troppo le tracce.

I genitori spesso chiedono indicazioni sul comportamento da tenere coi figli. Sempre problematico è il dialogo (i figli sarebbero reticenti o ostili; del resto è vero che un figlio ha fotografato il test positivo col cellulare x vantarsene con gli amici). Spesso chiedono aiuto  ma hanno solo informazioni elementari tratte dai giornali.

 

 

DON VIRGINIO

Questa relazione su LVD è stata fatta di nostra iniziativa. Non è mai stata  chiesta dal comune!  Ma occorre raccogliere dati, ragionare.

 

 

 

Cristiano Vincenzo, coordinamento organismi Td.

Gli operatori colgono ansia della famiglia: intuisco problema con mio figlio e ricorro a delega allo specialista (meglio ancora se al telefono e in modo anonimo). Difficoltà del genitore a costruire relazioni significative coi figli e poi delega. Oggi siamo tutti iperconsumatori, carrieristi e orientati al profitto e al successo ad ogni costo (x questo uno si gasa se è positivo e se ne vanta coi compagni!).

Perché non ipotizzare una linea telefonica anche di notte (magari soprattutto giovedì, venerdì e sabato sera, sere di maggior consumo per gli abit6atori della movida milanese).

 

Operatore LVD : molti chiamano ma dicono di poter controllare l’uso. 

 

Don Virginio: in questo clima di controllo e di stimgatizzazione la segretezza di LVD è un valore aggiunto.

 

Op LVD: molti andrebbero in servizi diversi dal proprio.

 

Op di altro servizio di ascolto: Occorre adeguare i metodi. Anziché telefono i giovanissimi usano SMS. Il telefono non li intercetta. A noi non sembra tantissimo che il genitore deleghi. Il problema è che poi magari nei servizi territoriali tradizionali la famiglia trova uno spazio di ascolto inadeguato.

Se si va oltre alla fine la famiglia, di solito  ci sta . Alle volte si riesce nel tempo a portare avanti relazione forte anche coi genitori. Occorre formazione e sostegno x creare una relazione (e non solo reazione immediata di controllo). Telefonate  in grande aumento x chiedere sostegno . Spesso gli adulti non percepiscono come un problema il fatto che molti giovanissimi ricorrono alle finanziarie. Idem per piccoli reati compiuti anche da italiani. L’Adolescente è usato da questa economia come consumatore. La linea telefonica è una grande opportunità ma poi la gente chiede una consulenza + prolungata e più ampia.

 

Maria Grazia Guida:

La città deve sostenere le figure adulte nella crescita delle nuove generazioni, specie nel periodo della latenza e della adolescenza (mentre le famiglie sono smpre + lontane x lavoro ecc. e poco aiutate). Generazioni di ragazzini vivono da soli, mentre anche la scuola ha mollato molto nell’ accompagnare questa  crescita (e non solo l’apprendimento) .

Spesso la società risponde offrendo beni anziché tempo di relazione. Mancanza di attenzione, di tempo (anche per questo LVD è comoda!). I familiari hanno bisogno di essere sostenuti (paura del fallimento). C’è bisogno di servizi complessi, flessibili, non settoriali, non percepiti come stigmatizzanti (ad es. andare a Sert è spesso vissuto così). Occorre avere spazi consulenziali e soprattutto di accompagnamento anche preventivo.

 

Riccardo Farina (Giambellino): la  cannabis spesso è percepita a rischio basso.

 

Don Virginio: nelle dipendenze c’è da tempo forte coinvolgimento ai tavoli del privato sociale. Questo aveva creato grossa fiducia della gente nei confronti degli operatori (a volte persino aspettative in senso messianico nei confronti dei vari Muccioli ecc.). Oggi c’è troppa enfasi sul controllo sociale e sicurezza. Oggi si urlano i no, si fa disobbedienza virtuale, non si ricercano comunicazione, cordialità, relazione.

Noi abbiamo bisogno oggi del raffreddamento (del clima) per dialogare, ragionare, sperimentare.

Anche rispetto a quanto impropriamente detto “riduzione del danno” occorre ripensare con calma e senza pregiudizi o dogmi.

Oggi il 10% della spesa farmacologica è per ansiolitici e antidepressivi !

 

Occorre RAFFREDDAMENTO: che favorisca RISPOSTE, VERIFICHE.

 

RUOLO AMBIGUO DELLE INDUSTRIE FARMACEUTICHE (che poi commercializzano i KIT ecc.) e che favoriscono una CHIMICIZZAZIONE DELLA VITA (MAGICHE SOLUZIONI)-

 

La PREVENZIONE  CHIEDE un OSSERVATORIO CHE DEFINISCA QUALI SONO LE PRIORITA’ (oggi SIAMO TUTTI VITTIME DI EMERGENZE MASSMEDIATICHE). 

TEMA DEL PRENDERSI CURA – Vedi numero di ANIMAZIONE  SOCIALE che parla del rapporto fra CURA E COAZIONE.

I dati di LVD sulla percezione soggettiva sono molto inquietanti!. 

Occorre collegare al disagio anche il tema della cittadinanza (inserimenti lavorativi, abitativi ecc.).

Noi chiediamo comunque che il pubblico sia al centro del dibattito e delle politiche (non amiamo le gestioni privatistiche).

Anche quello su proibizionismo o antiproibizionismo è un dibattito superato. Occorre sperimentazione, flessibilità (che consenta anche una riconversione dell’azienda no profit: il sitema è troppo rigido). La salute mentale, la doppia diagnosi ecc. sono trattate in un modo troppo condizionato dalla logica degli accreditamenti.

L’assistenza sociale a milano oggi ha ¼ del bilancio e 1/3 del personale del comune. Per la prima volta il tema è entrato anche nel settore educativo. Eppure oggi tutti i servizi specie in convenzione sono in proroga e appesi a finanziamenti aleatori.

 

 

 

 

Cristiano Vincenzo (Coordinamento cittadino del no profit).

Oggi c’è stallo totale dei servizi in convenzione col comune e situazione indefinita e pericolosa. La battaglia mediatica sulla logica dell’ emergenza è del tutto distruttiva. Anni fa il tema era l’albanese sfruttatore delle ragazzine. Oggi i fantasmi sono altri. I media codificano (condizionano) la percezione del cittadino.

Ok- stimolare assessori in modo diplomatico a ragionare fra noi anche x superare questo stallo. Iniziative di visibilità (ad es. aprire i servizi al cittadino). Poi fare una riflessione interna x evitare che la società corra da sé e noi non riusciamo a starle dietro e ad innovare sul piano preventivo.

La prevenzione non può esser delegata solo a noi (privato sociale), a pezzetti di Asl e a interventi spot del comune di milano. Occorre un piano interassessorile. Ad es. la governance disegnata dal piano di zona andava (sulla carta) in q direzione ma la pratica trova delle difficoltà.

Con questo perdiamo tutti credibilità (anche per questo, ad esempio la  percezione di pericolosità della cocaina è tendente allo zero!)

Noi dobbiamo essere flessibili e innovatori ma anche pretendere dal comune delle politiche chiare (anche se al limite non condivisibili).

—————————————-

ASL DIPARTIMENTO DIPENDENZE

Celata Corrado

Responsabile area prevenzione

 

Titolo di una tesi di una studentessa: “la crisi della prevenzione”.

Anch’io penso che ora la prevenzione si giochi la partita. “Prevenire è meglio che curare” è slogan superato. Prevenire (le td)  è difficile (cosa complessa e che non si può far da soli)

0ggi parliamo di milano ma milano non è su marte. Milano è metà della provincia e ¼ della Lombardia.

Problema epistemologico: chiedersi cosa vogliamo prevenire.

 

Tema della richiesta di anonimato ma anche di vicinanza (e poi perfino di conoscenza personale).

Occorre riqualificare le nostre risorse (e in primis sono risorse umane). In generale la fase preventiva di solito impegna gli operatori più giovani (il che è pregio: + normalità /ma anche un difetto: minore esperienza).

No allo “spezzatino della prevenzione”

-amministrazione comunale come capofila, rappresentante della programmazione

– noi siamo una carovana che va guidata.

C’è un problema organizzativo. Le forze in gioco hanno imparato in questi anni  a parlarsi anche se c’è stato bisogno di una “mediazione linguistica”.

 

Propongo punti stimolo:

 

          passare da schema a uomo a schema a zona (ciascuno gioca secondo il proprio talento ma in un insieme coordinato) (ad es. LVD gestito dall’ASL sarebbe inevitabilmente tutt’altra cosa)

          passare da un piano “feroce” a un piano strategico, furbo

          il raffreddamento (di cui parla Don Virginio) è fase centrale x temprare un metallo (occorre studiare con calma pregi e difetti; conoscere il lavoro altrui).

 

 

 

 

ASSESSORE  MAIOLO

 

Linea del Comune:

Alcune questioni di sfondo istituzionale. Occorre chiarire chi ha le competenze. Il comune vuol avere linee proprie.

IL Dipartimento ASL e il Comune di Milano devono ragionare assieme nel rispetto delle proprie competenze.

Compiti sociali del Comune: dobbiamo implementare le nostre risorse che x q settore sono ancora carenti. In origine avevamo previsto risorse che poi sono venute a mancare.

Anche il metodo di lavoro è spesso criticabile. Il Comune usa propri soldi e i pochi della L. 45 x prevenzione e reinserimento sociale e lavorativo (che sono i suoi compiti).

Il recupero del tossicodipendente  è invece compito dell’Asl (anche se poi occorre ovviamente dialogo)

LVD è il vero servizio di prevenzione del Comune. Poi ci sono interventi di reinserimento lavorativo e anche abitativo (come il Vela), educativa di strada ecc.

Il Comune lavora su prevenzione  a favore delle famiglie: mira a fare non mera informazione ma vera riqualifica del tessuto sociale.

In tutta franchezza non voglio + fare distribuz gratis delle siringhe. Lo faccia Asl perché non è un problema del comune. Non voglio più fare interventi di bassa soglia (che sono da Sert).

Sul resto ragioniamo senza dogmi, facciamo valutazioni serie dei progetti e dei risultati del lavoro affidato al privato sociale  (verifiche in senso scientifico). Io parto da un approccio pragmatico: tutte le droghe fanno male. Superare l’ approccio per cui l’uso di sostanze è visto quasi come una normalità. I grandi facciano quel che credono. Il kit non risolve i problemi ma se serve in qualche caso a costruire un progetto a me non disturba. Anche i controlli nelle scuole per me occorrono. Se non siamo d’accordo ragioniamone!

 

Del resto il kit è iniziativa della zona 6 e non del Comune. Anche se poi l’Assessore De Albertis l’ha fatto suo.

 

Riccardo Farina :

fare prevenzione e reinserimento significa rafforzare il nostro impegno, lavorando soprattutto a favore dei giovani ma non solo. A volte da noi arrivano i figli x condurre in comunità i loro genitori! La dipendenza è un fenomeno complesso che è legato ad altro: educazione, famiglia, società.

Occorre fare cultura!!! Noi ci siamo sempre arroccati su problemi, sull’emergenza. Ora occorre tornare a rapportarsi con la gente. Ok essere tecnici (utile presenza del Comune nel comitato dipendenze). Ma occorre trovare + spesso tavoli come quello di oggi; fare analisi comuni sui bisogni delle persone. Rendicontare!!!! Gli eventi mediatici creano blocchi ideologici. Occorre superare le fazioni.

Pubblico: occorre aiutarci a diventare adulti responsabili. La cura va intesa come lavoro completo sulla persona. Attenzione ai minorenni  – occorre intervento globale.

 

Vincenzo Cristiano

Ho capito la posizione  del comune di milano. 

Chiedo incontro al più presto x fare foto di q 20 anni di lavoro d privato sociale. E’ in crisi tutto, non solo la prevenzione. La dipendenza è ormai una normalità,non una emergenza.

Vi sono incoerenze (ad es con assessorato alla salute). La prevenzione fa capo a Moioli o a De Albertis? Idem su l. 328 e piano di zona x le dipendenze (drop in – macchinette scambia siringhe). Ci sono enti con convenzioni in scadenza e occorre + chiarezza.

 

Don Virginio: occorre creare un osservatorio dove si analizzino i progetti finanziati (pletora disorganica che va ricondotta ad unità).

          altra cosa: dare risposte chiare

          occorre poi dare spazio culturale di confronto tra comune e privato sociale.

          A Milano tutti sono favorevoli ad una reale governance istuituzionale del Comune

          Occorrono interventi di grande flessibilità ma anche con un sistema certo di finanziamenti (anche limitati)   

———————-

Ass. Moioli:

anche l’adulto oggi è inquieto. Come convivere con tale inquietudine? Aiutare anche i ragazzi a capire che la vita è lotta, fatica, impegno. Se so quali responsabilità ho come adulto  è meglio anche per i minori.

C’è poi il tema della istituzionalizzazione dei minori. Spesso il tribunale ce li rifila. Occorre deistitzionalizzazione  ma vera! Stiamo lavorando su questa cosa. Non voglio istituzionalizzare quello che può trovare accoglienza nel  territorio.

Anche io devo strutturarmi ancora. Chiarirò con altri assessorati.

All’esterno il comune deve fare un discorso solo. Per le convenzioni ora io ho fatto un piano. Alcune si chiuderanno. Scambia siringhe in particolare ma prima chiedo ad ASL se può proseguire lei il servizio. Di certo non è più un nostro progetto.

Necessità di una riflessione culturale: condivido appieno.

La cultura settoriale nei servizi alla persona è sbagliata. Occorre x forza integrazione. Io sono favorevole a qualsiasi sperimentazione (finanziata dalle fondazioni varie). Spesso siamo un progettificio e ciò gratifica come immagine. Ma intanto hai creato un mercato che vuole di nuovo essere alimentato. A me non piace.

Io voglio gestire al meglio i soldi che ho!!

Poi occorre passione, interesse x l’uomo, anche fuori dalle differenze ideologiche e di pensiero.

 

 

SEMINARIO SU LINEA VERDE DROGAultima modifica: 2009-10-31T19:22:31+01:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento