nl di nigrizia (africa)

27/05/2011

Cari lettori, 
vi segnaliamo le notizie più importanti apparse questa settimana su Nigrizia.it. Buona lettura!

 
Sì acqua, sì democrazia 
Una ricognizione su quali danni ha provocato in Italia la privatizzazione dell’acqua e sulle risposte messe in atto dalla cittadinanza attiva. Per arrivare alle urne con le idee chiare sull’acqua bene comune e sulla sua gestione pubblica. 

Con un video-appello di p. Alex Zanotelli.

Etiopia, l’Italia non finanzia la diga Gibe III 
La cooperazione non pagherà i previsti 250 milioni di di euro a copertura del miliardo e mezzo necessario alla ditta Salini per realizzare un’opera che avrebbe effetti devastanti sull’ecosistema della valle dell’Omo e sulle popolazioni locali.
Acqua, la Fesmi sostiene i Sì al referendum 
La Federazione della stampa missionaria italiana lancia l’appello affinché ci sia una forte mobilitazione il 12-13 giugno contro la privatizzazione dell’acqua.
Banche armate: manna Africa 
Ammontano a 434 milioni di euro le transazioni bancarie connesse al trasferimento nel 2010 di armi italiane in Africa. Algeria, Libia ed Egitto in testa alla classifica dei paesi. Bnp Paribas in vetta a quella delle banche. Un’anticipazione dell’articolo che uscirà su Nigrizia di giugno.
 

a torino l’acqua resta pubblica!

dal blog di grillo

L

A Torino l’acqua rimane pubblica grazie a una delibera di iniziativa popolare approvata in Consiglio Comunale. La delibera è stata sottoscritta da 12.000 cittadini su iniziativa del Comitato Acqua Pubblica e ha avuto parere favorevole delle 10 circoscrizioni torinesi. E’ stato inserito nello Statuto del Comune il testo: “In osservanza della legge, la proprietà delle infrastrutture e delle reti del servizio idrico integrato è pubblica e inalienabile. La Città si impegna per garantire che la gestione del servizio idrico integrato sia effettuata esclusivamente mediante soggetti interamente pubblici”. … [continua]

 

 

ASSOCIAZIONE COMUNI VIRTUOSI

In questo numero

 

Ritorna la seconda edizione dei Dialoghi Virtuosi, promossa dall’Associazione dei Comuni Virtuosi, in collaborazione con il Comune di Melpignano (LE). L’iniziativa si terrà nel Convento degli Agostiniani venerdì 12 e sabato 13 febbraio nel comune salentino, socio fondatore della nostra rete.. programma

 

La famiglia dell’Associazione dei Comuni Virtuosi si allarga ancora, con l’adesione dei Comuni di Corchiano (VT), Senigallia (AN) e Follonica (GR), il numero dei comuni iscritti sale a 35, è dunque un momento di grande attività per la rete nata nel 2005, anche in considerazione delle nuove iscrizioni che stanno arrivando in questi giorni, a dimostrazione della crescita, nelle istituzioni, di una nuova cultura politica che rivoluziona, dal basso, i vecchi strumenti di sviluppo divenuti ormai insostenibili.

 

Il Comune di Avigliana (TO) ha recentemente inaugurato un nuovo impianto fotovoltaico sul tetto della sede della locale stazione di Polizia Municipale, il terzo installato su edifici pubblici, a testimonianza di come gli enti possono contibuire concretamente alla produzione di energia da fonti rinnovabili e nella promozione di nuovi stili di vita. Altri due esempi sono il distributore di latte crudo alla spina e la “casa dell’acqua“, che verrà aperta entro la prossima primavera ed erogherà l’acqua del sindaco.

 

La città di Spoleto ha approvato l’emendamento del gruppo consiliare Spoleto 5 stelle, ispirato alla campagna nazionale “L’acqua è del sindaco e di tutti i cittadini” dei Comuni Virtuosi, volto ad inserire nello Statuto Comunale il principio della proprietà e della gestione pubblica del servizio idrico integrato, che tutte le acque sono pubbliche e costituiscono una risorsa da utilizzare secondo criteri di solidarietà. Con l’introduzione del principio della gestione pubblica, la città pone un importante vincolo a favore di una gestione locale autonoma dell’acqua.

 

La settima edizione di “Fà la cosa giusta!“, la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, apre le porta alla prima “Scuola di AltRa Amministrazione“, il 12 e il 13 marzo a fieramilanocity, con l’obiettivo di trasferire competenze e conoscenze ad amministratori locali, motivati ad approfondire le pratiche virtuose e che sono interessati a riprodurre nel proprio territorio progetti innovativi realizzati già con successo. Per ulteriori informazioni visitate il sito www.altramministrazione.it

 

grazie

L’ACQUA NON E’ SCONTATA – NO ALLA PRIVATIZZAZIONE

L’acqua è un diritto di tutti gli esseri viventi, non deve essere mercificata.
Rete:
Globale
Inizio:
lunedì 9 novembre 2009 alle ore 0.00
Fine:
venerdì 13 novembre 2009 alle ore 20.30
Luogo:
Associazione Culturale Punto Rosso
Indirizzo:
Via G. Pepe 14, ang. via Carmagnola
Città/Paese:
Milano, Italy

Descrizione

”L’ACQUA NON É SCONTATA”
13 novembre 2009 ore 18.00 – 20.30
Via Guglielmo Pepe 14 ang. Via Carmagnola – Milano
presso l’Associazione Culturale Punto Rosso (MM2 Verde – Passante Ferr. Garibaldi – uscita Via Pepe)

Questa iniziativa, organizzata dall’associazione Progetto Civile di Milano, é stata inserita nel programma della ”Settimana di Educazione allo Sviluppo Sostenibile” 2009, promossa e patrocinata dalla Commissione Nazionale Italiana UNESCO che si terrà dal 9 al 15 novembre 2009.
L’incontro si prefigge di coinvolgere e sensibilizzare la cittadinanza sulla difesa dell’acqua quale bene comune, diritto di ogni essere vivente e risorsa non mercificabile, promuovendo comportamenti virtuosi, consumi consapevoli e il coinvolgimento della cittadinanza alla lotta contro la sua privatizzazione.
Oltre agli interventi di esperti sul tema, si coinvolgeranno i cittadini attraverso il dibattito e spazi espositivi e di informazione sulle iniziative Imbrocchiamola, Acqua San Rubinetto ed altre.

Interverranno:

Emilio Molinari – Forum Mondiale per L’Acqua: Situazione Internazionale.
Massimo Gatti – Consigliere in provincia di Milano per la Lista civica un’Altra Provincia-PRC-PdCI: La privatizzazione dell’acqua in Lombardia.
Giovanna Procacci – Comitato Milanese Acquapubblica: la situazione milanese e future iniziative.

Gli interventi saranno alternati da brevi filmati.

Sono gradite collaborazioni, adesione di cittadini-associazioni-comitati; chi volesse inviare un messaggio da leggere durante l’incontro, scrivere a donofrio.eleonora@gmail.com.

Adesioni già pervenute:
Associazione Culturale Punto Rosso, Milano – Associazione Aria Civile, Milano – Comitato Milanese Acquapubblica – Coordinamento Nord Sud del Mondo – Lista Civica “A Sinistra per Cambiare”, Paullo – Lista Civica “Uniti con Dario Fo per Milano” – Lista Civica “Un’Altra Provincia”, Milano – Partito dei Comunisti Italiani, Milano – PRC, Milano e Provincia – Partito Umanista, Milano – Umanisti per l’Ambiente, Milano –

Durante l’incontro continuerà la raccolta delle adesioni alla “Vertenza Cip6 o ci fai?” Nazionale contro il finanziamento degli inceneritori, effettuato tramite il pagamento delle nostre bollette elettriche. Portare fotocopia fronte-retro della carta d’identità,copia dell’ultima bolletta e 10 € per contributo spese legali.
————————————————
Il Senato ha votato per la resa obbligatoria della gestione dell’acqua: una scelta che va contro l’interesse dei cittadini e che non è dettata, come falsamente sostengono governo e maggioranza, da norme europee.
L’approvazione di un emendamento del Pd a firma Bubbico mette dei paletti alla privatizzazione, garantendo il rispetto della proprietà pubblica dell’acqua, come stabiliscono i principi comunitari. Nonostante questo, tuttavia, le norme approvate oggi dal Senato sono molto gravi.
L’acqua è un bene comune non è una merce e in base alla Costituzione la titolarità della sua gestione è in capo alle Regioni e agli enti locali.
Prevedere non la possibilità, ma l’obbligo entro 1 anno, di affidare a privati la gestione dei servizi pubblici vuol dire espropriare Regioni e Comuni del diritto-dovere di amministrare l’uso dell’acqua nell’interesse delle persone e delle comunità, e apre la strada a un monopolio privato dell’acqua nelle mani di 3 o 4 multinazionali.
Entro il prossimo 24 novembre, il decreto che privatizza l’acqua potrebbe diventare legge.

DIFFONDI, PARTECIPA E INVIA LA TUA ADESIONE!

Eleonora D’Onofrio presidente
Associazione Progetto Civile
http://www.progettocivile.org

GRAZIE