13/12 Social Suffering in Urban Spaces

Social Suffering in Urban Spaces

 
 
 

L’Università degli Studi di Milano in collaborazione con il Centro Studi Souq e l’Università degli Studi Milano Bicocca, è lieta di ospitare il Professor Arthur Kleinman (Harvard University). L’incontro si terrà MARTEDI 13 DICEMBRE alle 9,30 presso l’Aula Magna dell’università Statale di Milano in Via festa del Perdono 7.  leggi tutto qui: http://www.ceasmarotta.it/wordpress/?p=1773

 

 

grazie

Corso di Fotografia: catturare il mondo con sensibilità e rispetto

Corso di Fotografia: catturare il mondo con sensibilità e rispetto

 
 
 
Giovedì 3 novembre si chiudono le iscrizioni al corso di fotografia organizzato dalla Biblioteca del Confine della Fondazione Casa della carità.  Si tratta di un corso teorico – pratico per apprendere le principali tecniche fotografiche e per imparare a scattare immagini in contesti sociali difficili nel rispetto della dignità delle persone. Al corso parteciperanno anche i vari ospiti di Casa della carità.
Gli incontri previsti sono cinque: 9, 16, 23, 30 novembre e 14 dicembre, a cui seguirà un’uscita pratica da concordare con i partecipanti.
Gli orari del corso prevedono due distinte sessioni: I sessione 17.30 – 19.30; II sessione 20.30 – 22.30.Per iscriversi è sufficiente inviare una mail con i propri dati anagrafici, specificando a quale delle due sessioni si desidera iscriversi a: biblioteca.confine@casadellacarita.org .

 

 
 
Aggiungi a SpecialiCondividiCondividi con notaMantieni come da leggereInvia a

9/4 ore 18.30 LAURA HALILOVIC A MILANO

IO,LA MIA FAMIGLIA ROM E WOODY ALLEN – PROIEZIONE DEL FILM AL CE.A.S.

Data:
venerdì 9 aprile 2010

Ora:

18.30 – 20.00
Luogo:
CE.A.S. CENTRO AMBROSIANO DI SOLIDARIETA’ONLUS
Via Marotta 8 – Milano

Descrizione

REGIA: LAURA HALILOVIC

ANNO: 2009

DOCUMENTARIO – DURATA 50’

PRODUZIONE: ZENIT ARTE AUDIOVISIVE in collaborazione con RAI TRE, ARIA VIVA

Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen” è la storia di una ragazza Rom che abita con i suoi in un quartiere popolare alla periferia di Torino.
Il racconto in prima persona esplora i cambiamenti e le difficoltà della nuova vita stanziale, le relazioni con i parenti che ancora vivono nomadi, i contrasti e le incomprensioni che fin da bambina la accompagnano nelle relazioni con gli altri, i Gagè.
Attraverso i ricordi dei suoi familiari, tra cui l’anziana nonna che ancora vive in un campo, le fotografie e i filmati del padre che ha documentato negli anni la vita quotidiana della piccola comunità, scopriamo una realtà sconosciuta che fino ad oggi abbiamo voluto conoscere solo attraverso gli stereotipi e i luoghi comuni. Ma il documentario non è soltanto la storia di una famiglia, di fatto chi parla è una ragazza di oggi che cresce inseguendo i propri sogni di adolescente, combattendo contro i pregiudizi e le tradizioni di una cultura difficile da accettare.
E’ l’opera prima dell’emergente regista LAURA HALILOVIC

LA REGISTA LAURA HALILOVIC SARA’ PRESENTE IN SALA

CIAO