NIENTE DA NASCONDERE di Francesco Casali (un libro che consiglio!)

 

Del libro di Francesco Casali ho letto in anteprima un solo capitolo (per ora). L’ho trovato coinvolgente, denso di umanità, malinconico ma divertente, competente ma mai noioso. Con un innovativo intreccio di saggistica (psicologia, psichiatria, informazioni dal DSM ecc) e romanzo produce l’effetto di commentare in modo comprensibile ma non superficiale le vicende della varia umanità con cui lavoriamo quotidianamente.

Un libro che invito a leggere anche perché Francesco è un collega disponibile, fantasioso, appassionato, ironico; una persona per bene e un compagno di lavoro piacevole.

 

Paolo Teruzzi



Messaggio di Francesco:

Ciao! E’ uscito “niente da nascondere”, il mio primo libro a metà tra un saggio psicologico e un romanzo. Il libro parla di psichiatria e follia, salute mentale e pedagogia, musica e sport, attraverso un tema costante che è quello del dolore mentale. La prefazione è del Prof. Pietropolli Charmet. Se ti interessa puoi trovarlo online sul sito della casa editrice http://www.facebook.com/l/GAQGOiXLzAQGnB5QN258qHQCzsoa_K9…, ordinarlo in libreria o acquistarlo direttamente da me. Grazie
ISBN 9788890757471
© 2012 Francesco Casali
Koi Press è un marchio editoriale di Momentum Edizioni | Milano

—————————————————————————————-

  • A metà tra un saggio psicologico e un romanzo, il libro parla di psichiatria e follia, salute mentale e pedagogia, musica e sport, attraverso un tema costante che è quello del dolore mentale. La prefazione è del Prof. Pietropolli Charmet. Il libro è acquistabile online sul sito della casa editrice www.koipress.it, nelle librerie o direttamente dall’autore.

    ISBN 9788890757471
    © 2012 Francesco Casali
    Koi Press è un marchio editoriale di Momentum Edizioni | Milano

    Redirect

    www.koipress.it

 

 

  • (dalla prefazione  del Prof. Gustavo Petropolli Charmet):

  • Questo libro non nasconde nulla. Fin dalle prime righe il lettore capisce che non ha scampo, si parla proprio di quello. Del dolore mentale. In tutte le sue versioni e interpretazioni, innescato dalle cause più varie, come compagno di strada fin da bambino, oppure incontrato lungo i tornanti della vita adulta in genere lungo il sentiero della passione amorosa che il più delle volte lo precede e ne rappresenta l’anticamera con l’incantesimo dei suoi piaceri. fa una proposta alternativa nelle pagine di questo libro intelligente, appassionato e bellissimo. L’autore suggerisce implicitamente di non distrarsi affatto ma di godersi la solitudine dolente e creativa dedicata all’immaginazione, alla nostalgia, al sogno, alla fantasia ad occhi spalancati che guardano il vuoto accettando fino in fondo la delusione e il rimpianto, la rabbia e la costernazione per l’ingiustizia subita, la perdita insensata, la rottura del progetto incompiuto.

     


 

fatemi sapere cosa ne pensate, Paolo