MORTO SHARON

NEANCHE I MORTI SONO UGUALI E’ morto Ariel Sharon. Tutti i media del mondo ne parlano. Ore ed ore di “informazione” sulla dipartita di un uomo che ha sulla coscienza alcune delle pagine piu’ brutte della storia dell’uomo. Ma se ne parla poco o niente. Prima fra tutte, l’orrendo massacro, nel 1982, di migliaia di palestinesi, soprattutto donne e bambini, nel campo profughi di Sabra e Chatila. Il giorno prima le truppe sraeliane comandate da Sharon avevano sigillato il campo. Nessuno poteva entrare. Nessuno poteva uscire. Entrarono, e uscirono liberamente, i falangisti “cristiani” libanesi, in quel conflitto alleati con gli israeliani. E fu mattanza, senza che nessuno muovesse un dito in difesa di donne e bambini del tutto inermi. A distanza di tanti anni, nessuno ha pagato per tanto scempio di umanita’. Oggi ricordo loro, i miei poveri fratelli e sorelle palestinesi selvaggiamente strappati alla vita.