#Schizofrenia, la percezione del volto e del corpo

Pubblicato il 22 febbraio 2012 da 

 

La percezione del volto e del corpo si basa sugli stessi meccanismi di elaborazione, e attiva reti neurali simili ma non identiche. I pazienti affetti da schizofrenia mostrano una compromissione della percezione facciale, e il presente studio si è rivolto per la prima volta alla percezione del corpo in questo gruppo di pazienti. Diciassette pazienti con diagnosi di schizofrenia o disturbo schizoaffettivo sono stati posti a confronto con 17 controlli sani in test standardizzati che valutavano le capacità di base di percezione del volto (discriminazione dell’identità, memoria per la fisionomia, riconoscimento dell’espressione facciale delle emozioni). Un compito matching-to-sample comprendente facce con emozioni e neutre, corpi e automobili in posizione dritta o capovolta è servito per valutare i potenziali deficit di performance categoria-specifici e la compromissione dell’elaborazione configurale. Rispetto ai controlli sani, i pazienti schizofrenici hanno dimostrato prestazioni inferiori nelle capacità di valutazione della percezione facciale. Nel compito matching-to-sample hanno anche risposto più lentamente e meno accuratamente dei controlli, a prescindere dalla categoria dello stimolo. L’analisi dell’accuratezza ha mostrato significativi effetti di inversione per facce e corpi attraverso i gruppi, che riflettono i meccanismi di elaborazione configurale; tuttavia l’analisi del tempo di reazione ha evidenziato effetti di inversione ridotti, a prescindere dalla categoria, nei pazienti schizofrenici. La dimensione degli effetti di inversione non era correlata ai sintomi clinici. Complessivamente i dati sono indicativi di una riduzione dell’elaborazione configurale, non solo per le facce ma anche per corpi e automobili, negli individui affetti da schizofrenia.
FONTE: Soria Bauser D, Thoma P, Aizenberg V et al. – Psychiatry Res. 2012;195(1-2):9-17 – Institute of Cognitive Neuroscience, Dept. of Neuropsychology, Faculty of Psychology and Dept. of Psychiatry, Ruhr-University of Bochum, Bochum, Germany.

Arnaldo Ballerini: Naturalità della evidenza intersoggettiva e autismo schizofrenico

da Francesco Bollorino:

 
http://youtu.be/id9OndLJMjA

Arnaldo Ballerini: Naturalità della evidenza intersoggettiva e autismo schizofrenico
Registrazione video dell’intervento di Arnaldo Ballerini alle XII GIORNATE PSICHIATRICHE ASCOLANE. Arnaldo Ballerini, libero docente in Clinica delle malatti…
Per visualizzare la tua bacheca o scrivere su quella di Francesco segui il link in basso:
http://www.facebook.com/n/?permalink.php&story_fbid=149088285159539&id=1496103044&mid=43abf5cG592cb884G2a3aa2aG3a&bcode=7UcB0aUe&n_m=paoloteruzzi1%40yahoo.it
Grazie,
Il team di Facebook

 

Francesco Bollorino ha inviato un messaggio ai membri di POL-it Psychiatry on line Italia.
 
Francesco Bollorino
Francesco Bollorino16 maggio 8.18.26
Oggetto: VIDEO DAL CONGRESSO DI ASCOLI
continua oggi e continuerà con regolarità nei prossimi giorni (la lunghezza dei contributi rallenta il lavoro di messa on line per la necessità di elaborazione delle immagini) la messa online delle relazioni che abbiamo registrato durante il Congresso XII GIORNATE PSICHIATRICHE ASDCOLANE.
Sono in rete tre contributi: Gallese, Callieri e Ballerini, stamane arriverà Correale e altri seguiranno .
Spero che vorrai da un lato seguire quesi video e dall’altro farne pubblicità adeguata in rete dato l’alto rilievo scientifico e l’innovatività del modo di proporre la psichiatria in rete attuato dal canale tematico della Rivista su Youtube.
Contiamo sul tuo attivo supporto
Grazie

http://www.facebook.com/l/b169dKlsMcA2QJXKYckBIOK-UYw/youtu.be/id9OndLJMjA

 
Hai 223 nuove notifiche. Visita Facebook per sapere cosa sta succedendo tra i tuoi amici.

 

Per rispondere a questo messaggio, segui il link in basso:

http://www.facebook.com/n/?inbox%2Freadmessage.php&t=1643998074287&mid=43ac159G592cb884G2a4ab02G0&bcode=7UcB0aUe&n_m=paoloteruzzi1%40yahoo.it

 

 

grazie

Cogito, ergo sum – idee e riflessioni contemporanee – n° 154

Cogito, ergo sum – idee e riflessioni contemporanee – n° 154

_________________________________________________________

Eugenio Scalfari: Geronzi sperava, Tremonti sapeva

Lo Stato ha un solo e vero modo di stare sul mercato: produrre servizi pubblici e infrastrutture efficienti e far rispettare le regole di concorrenza .

Francesco Giavazzi: I veri nemici dell’euro

Ciò che mette a rischio l’euro non sono i debiti, per i quali si troverà una soluzione, ma la mancanza di crescita.

Carlo Bastasin: Lezioni europee per l’Italia

I prossimi anni saranno estremamente severi per chiunque governerà la politica economica.

Salvatore Bragantini: La lobby degli incoscienti

Il mondo sviluppato non reggerebbe a una seconda ondata di crisi finanziarie, ma per la lobby finanziaria la regolazione è un inutile intralcio.

Riccardo Realfonzo: Per una nuova politica economica in Europa

L’Europa a un bivio

Agnes Heller: Così l’Ungheria criminalizza gli intellettuali e il dissenso

La celebre studiosa racconta la campagna di diffamazione che il governo di Budapest ha organizzato contro di lei e altri suoi colleghi.

Agi Berta: Attivista disgregante

Storie di vita vissuta. Ungheria 1972

Felice Roberto Pizzuti: Nella crisi dell’euro una sfida per l’Europa

La recessione ha aggravato le contraddizioni Ue. Si insiste sui bilanci pubblici, mentre la crisi del debito privato richiede politiche comuni per uno sviluppo sostenibile

Donatella Porrini: Chi ha paura delle polizze rosa?

Una sentenza della Corte di giustizia europea impone anche in Italia il divieto di discriminazione tra uomini e donne nelle assicurazioni.

Barbara Spinelli: Operazione banalità

Quali leggi e stratagemmi inventerà Ubu perché ogni processo si spenga?

Tito Boeri: L’immigrazione e il governo che non c’è

Quella offerta nelle ultime settimane è una dimostrazione di totale, frustante, impotenza nel gestire un problema certamente complesso ma non più grave di quello in passato fronteggiato da altri paesi dell´Unione Europea.

Martin Wolf: Parola d’ordine: riequilibrare

La Cina e le dinamiche destabilizzatici sull’economia mondiale

Claudio Magris: Il finto quotidiano della vera unità

Gli studenti di un istituto di Piacenza scrivono articoli firmati Cattaneo, Mazzini e Cavour

Gillo Dorfles: Sorridere è un bene. Anche quando è ipocrita o forzato

La maggiore o minore cordialità e affabilità che riscontriamo nel prossimo è uno dei sintomi più indicativi circa i nostri rapporti con lo stesso

Umberto Galimberti: Se vivere più a lungo diventa un’ossessione

Spesso confondiamo il prolungamento della nostra esistenza con la dilatazione della vecchiaia

Massimo Ammaniti: Schizofrenia, com’è difficile distinguere la follia dalla normalità

Nonostante l’avvento di nuovi metodi di indagine, la schizofrenia rimane ancora oggi una sfida per i clinici e per i ricercatori.

Leonardo Becchetti: I paesi arabi e l’insostenibile altrui felicità

L’insoddisfazione per la differenza tra le nostre condizioni di vita e quelle nei paesi in cui si vive meglio è la molla del progresso.

Gustavo Zagrebelsky: L’ora della mobilitazione

La comunità internazionale ci guarda, ma prima di tutto siamo noi a dover guardare noi stessi.

Umberto Eco: Il garibaldino Nino Biperio

Uno studente universitario l’ha scritto in questo modo: convinto che la x di Bixio fosse da leggere nel linguaggio degli sms.

Claudio Brenni, Federico Franchini: La mano visibile del mercato agricolo

Ovvero, quando il libero mercato e la concorrenza internazionale (tanto decantate da Usa e Ue) sono falsati dalle sovvenzioni (promosse da Usa e Ue)

Guglielmo Ragozzino: La natura nel forno. Il riuso-riciclo

Una ricerca di Margherita Bologna mostra i vantaggi per l’ambiente e il risparmio energetico nel sostituire ai “termovalorizzatori” il riuso-riciclo

Pietro Citati: Lo spirito di Port-Royal

Tra Sant’Agostino e Pascal, storia del pensiero forte

Zygmunt Bauman: L’insostenibile deriva neoliberale delle socialdemocrazie europee

La socialdemocrazia ha perso la sua specifica base costitutiva

Alfonso Berardinelli: In Italia ci sono troppi scrittori nuovi, e nessuno legge più quelli recenti

Il rapporto che conta è con gli editori e con quello che si aspettano,

Henry Miller: Il colosso di Marussi (1941)

Lettura sul Lavoro XIA a cura di Stefano Esengrini